fbpx
CronacheNews

Prevenzione dei tumori, screening gratuito fino al 15 settembre

La prevenzione del melanoma, tumore della pelle che registra ogni anno un aumento di incidenza sulla popolazione del 3-8%, passa attraverso un corretto stile di vita ma anche una diagnosi precoce ed una corretta informazione.

Una certezza che, a Catania (dove è stato accertato un aumento sia dell’incidenza che della mortalità dovuta a questo tumore), ha animato l’associazione Solsamb, il Comune e l’associazione Medici e Società, promotori di una specifica campagna di prevenzione.

Un progetto innovativo perché porta lo screening, rigorosamente gratuito, direttamente nei luoghi più frequentati in questo periodo e dove l’informazione riveste un ruolo importante, e cioè i lidi balneari.

L’iniziativa, già avviata il 15 giugno, andrà avanti fino al prossimo 15 settembre ed è stata illustrata nel dettagli ieri a Palazzo degli Elefanti.

Sarà possibile eseguire lo screening in due postazioni al Lido Azzurro e al Lido Solemare, oppure nel camper attrezzato nei pressi della piattaforma del solarium di Ognina.

L’esame sarà realizzato da personale medico che provvederà anche ad acquisire fotografie che, inserite in una piattaforma digitale, saranno analizzate dal dottor Maurizio Pettinato, dirigente del reparto di riferimento del Vittorio Emanuele. In caso di situazioni sospette l’utente sarà richiamato per ulteriori esami ed approfondimenti.

Alla conferenza di presentazione sono intervenuti il vicesindaco Marco Consoli, il consulente del sindaco per la Sanità Francesco Santocono e il professore Melchiorre Fidelbo, coordinatore del progetto messo a punto da Solsamb (Soluzioni in Sanità e Ambiente).

“Abbiamo attivato questa campagna di screening –ha spiegato quest’ultimo- perché quella del melanoma è una patologia che può essere prevenuta. Possiamo infatti mettere in campo sia efficaci iniziative di prevenzione primaria, usando creme e filtri solari quando ci esponiamo al sole, sia secondaria con una diagnosi precoce; e poi grazie anche alle terapie oncologiche che oggi sono molto avanzate”.

Ma quali sono i consigli da dare alla cittadinanza?

“Sicuramente l’alimentazione incide –prosegue il professore Fidelbo- le vitamine che agiscono e comunque si depositano sulla pelle sono importanti. Ma quello che è l’effetto cancerogeno maggiore è determinato dai raggi ultravioletti. Quindi, ripeto, la prevenzione primaria si fa con i filtri solari. Mai esporsi per lunghi periodi al sole, soprattutto nella prima parte della stagione e nelle ore più calde. Proprio per questo motivo abbiamo individuato come orario dello screening dalle 11 alle 13 così anziché esporvi al sole fate la prevenzione”.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker