NeraPrimo Piano

Spaccata per rapinare bancomat, presa banda -VIDEO

Usavano il metodo della “spaccata” per saccheggiare i bancomat: ora la banda criminale è in manette.

I Carabinieri hanno dato esecuzione ad una misura cautelare in carcere emessa dalla Procura della Repubblica etnea nei confronti di cinque persone. Quest’ultime si trovano indagate del reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione della  “spaccata”.  Obiettivi del “commando”, così si autocelebravano nelle loro conversazioni telefoniche intercettate dagli investigatori, gli sportelli bancomat di diversi istituti di credito del catanese. Qui ogni volta, anche con l’utilizzo di una pala meccanica hanno portato a termine i loro colpi racimolando bottini per oltre 200.000 euro.

L’operazione, denominata “Nessun Dorma” è il risultato delle indagini iniziate nel Novembre del 2017.  In questo periodo, infatti, è avvenuto un furto al bancomat dell’agenzia Unicredit di Aci Castello. L’associazione, perfettamente organizzata e collaudata in tutte le sue componenti, individuava gli sportelli bancomat da colpire. Solo dopo accurati sopralluoghi, effettuava il colpo.
Il primo passo dell’organizzazione consisteva nel furto dei mezzi necessari. Particolarmente utile ai fini del reato era l’escavatore con il quale agire sul bancomat individuato. Ma anche le auto giocavano un ruolo fondamentale per raggiungere l’obiettivo e per fuggire.

Ogni membro con il suo ruolo

Successivamente, ogni membro ricopriva un ruolo ben preciso nel corso del furto. Vi era l’incaricato alla guida dell’escavatore, gli addetti a caricare il bancomat sulle autovetture pronte per la fuga. Ma anche i “pali” con la funzione di controllare l’arrivo o l’eventuale passaggio di autovetture delle Forze dell’Ordine. L’attività investigativa ha permesso di raccogliere gravi indizi nei confronti degli indagati per diverse “spaccate” eseguite nel territorio.

La tentata “spaccata” presso il distributore di carburanti “Petrol Company” di San Gregorio, effettuata l’1febbraio 2015. Poi la “spaccata” presso l’agenzia “Unicredit” di Aci Castello, effettuata il 4 novembre 2017. La rapina presso l’agenzia Monte dei Paschi di Siena di Aci Bonaccorsi, effettuata il 6 gennaio 2018. Ed infine la tentata “spaccata” presso l’agenzia Unicredit della zona Industriale di Catania, effettuata il 3 marzo 2018. Proprio nel corso di quest’ultima rapina, i militari della Compagnia di Acireale arrestarono in flagranza otto persone evitando la sottrazione di ulteriori 70.000 euro circa.

Nel complesso sono stati indagati 11 soggetti. Alcuni dei quali, però, non raggiunti dall’odierna misura poiché avevano già scontato la custodia cautelare in seguito all’arresto del 3 marzo 2018. Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati associati al carcere di Catania “Piazza Lanza”.

Gli arrestati

I soggetti presi sono Carlo D’Urso, 44 anni, Davide Rapisarda 36 anni, Salvatore Cutrona 28 anni, Ivan Nicotra  30 anni e Gaetano Chinnici  33 anni.

Un’altra banda sgominata dopo l’arresto di 5 individui a Ragusa, con lo stesso modus operandi 

 

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.