fbpx
LifeStyle

“Porte aperte”: libero accesso all’esplosione culturale

Con l’arrivo della bella stagione, Catania sarà travolta da una ricchissima rassegna di eventi culturali grazie a “Porte aperte”, iniziativa promossa dall’ateneo, con la collaborazione di numerosi partner: il teatro Bellini, Zanne festival, Catania Jazz, AME, Marranzano World fest, l’associazione Ingresso Libero, Teatri riflessi, Officine culturali, CineStudio, Catania Lab, IPLAB, Scuola Superiore e Marionettistica.

imageUna vera e propria esplosione di cultura fatta di teatro, cinema e soprattutto musica.

«Un programma -spiega Luciano Granozzi- delegato alla comunicazione, rivolto ad un pubblico vasto e molteplice, che mette in primo piano gli studenti e i futuri studenti, senza ignorare le famiglie».

I catanesi dovranno quindi segnare sull’agenda numerosi appuntamenti dal 12 giugno al 12 luglio.

Sono previsti ben 19 concerti che spaziano dalla musica sinfonica, al jazz, al rock, alla world music e ai quali si aggiungono altri 15 appuntamenti di vario tipo (teatro, musica), due mostre e alcuni workshop, solo per citarne alcuni.

«Si parte -racconta Granozzi- da cinque concerti della rassegna “Il Bellini nel Barocco” nel chiostro d’ispirazione vaccariniana del Palazzo Centrale dell’Università, a un violoncellista del calibro di Vladim Pavlov, nello scenario del giardino pensile “dei novizi”e si prosegue con proposte musicali e teatrali che si alternano quasi ogni sera sul grande palco allestito nel cortile principale dell’ex monastero dal 20 Giugno al 12 Luglio».

La rassegna, ambiziosa per la quantità di appuntamenti previsti «mira a sollecitare la curiosità verso ambiti meno conosciuti e meno consueti, come mostra lo spettacolo prodotto da AME per “Marranzano World fest” con la partecipazione de I Lautari: uno sforzo di riscoperta e valorizzazione della musica siciliana per proiettarla verso il futuro attraverso il confronto con tradizioni di altri paesi. Altrettanto straordinario il cocktail di band di tuti i generi selezionate da Nicola Compagnini e dalla sua squadra per i quattro preview di Zanne Festival. Esorbitante il numero di band che hanno chiesto di partecipare al progetto della Catania Jazz, ideato da Pompeo Benincasa».

Non mancano ospiti nazionali: i Guano Padano e Francesco Bearzatti Tinissima Quartet,”Monk’Roll, il nuovo quartetto acustico di Enzo Favata “Inner Roads”, Francesco Diodati “Neko”, Kekko Fornarelli e il suo trio, gli “Auanders” con Gaetano Partipilo.

Con “Porte aperte” Catania non può che confermarsi città con vivace fermento culturale.

«Questa iniziativa è’ una scommessa che consiste nel sollecitare 55.ooo studenti universitari, puntando sull’enorme forza di traino che rappresentano, per un rafforzamento delle attività culturali in città».

Gli eventi sono gratuiti al novanta per cento dei casi con una riduzione per studenti e personale universitario

Non ci resta che scaricare il programma e partecipare a tutti gli appuntamenti che ci interessano di più.

 

 

 

 

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker