fbpx
CronachePrimo Piano

Ponte sullo Stretto, ok per fondi Ue. Musumeci: “Cosa aspetta il Governo a chiedere il finanziamento?”

Il Ponte Sullo Stretto è finanziabile con i fondi Ue: la risposta ufficiale arriva da Bruxelles dove il commissario Ue per i trasporti Adina Valean ha risposto all’interrogazione dell’eurodeputata siciliana leghista Annalisa Tardino decretando la possibilità di finanziare il collegamento tra la Sicilia e la Calabria.

«Il collegamento tra la Sicilia e l’Italia continentale fa già parte della rete transeuropea dei trasporti (TEN-T) e del corridoio “Scandinavia-Mediterraneo e in quanto tale, fa parte della rete considerata di massima importanza e valore aggiunto», afferma la Commissione.

Nonostante l’infrastruttura non rientri tra le tratte pre-identificate del programma del CEF II, sarà comunque possibile finanziare studi preliminari e attività di appalto all’interno di alcuni programmi dell’UE nell’ambito del quadro finanziario pluriennale 2021-2027.

«Finora -conclude la Commissione- le autorità italiane non hanno presentato alla Commissione piani concreti in merito a tale collegamento».

Ora tocca al Governo

L’Ue ha dato l’ok: ora serve solo il passo avanti del Governo italiano.

«Verrebbe da dire: ma di cosa stiamo discutendo? Cosa aspetta, ancora, il governo centrale a chiedere all’Ue il finanziamento per la costruzione del Ponte sullo Stretto?», sbotta il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

«Sicilia e Calabria – sottolinea il governatore – sono stanche di essere considerate periferia d’Europa e per diventare centrali nell’area del Mediterraneo uno dei requisiti essenziali è il collegamento stabile tra le due sponde. Diciamo basta a un dibattito ultrasecolare, fatto di relazioni e contro relazioni, con il solito obiettivo di rinviare la decisione alle calende greche.

«Questa telenovela ha stancato tutti», conclude amareggiato il governatore.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button