fbpx
MotoriSport

Poker di Lorenzo in Spagna con Rossi secondo. Ancora fuori Marquez

Lorenzo cala il poker al Montmelò portando a casa la sua quarta vittoria consecutiva in questo mondiale. Secondo Rossi dopo la rimonta dalla 7° posizione a completare la domenica perfetta della  Yamaha che fa doppietta sul podio catalano. Complici i ritiri di Marquez e Dovizioso, torna sul podio la Honda di Dani Pedrosa terzo.

Per chi non l’avesse ancora capito il mondiale di quest’anno è una faccenda interna in casa Yamaha ed è Jorge Lorenzo a rivestire il ruolo di mattatore in questo momento, con la quarta vittoria consecutiva che lo avvicina in classifica al compagno di squadra Rossi, ormai distante una sola lunghezza. Fuori dai giochi quindi le Honda e le Ducati. Il campione del mondo sbaglia la seconda gara di fila e cade dopo un errore in staccata collezionando il terzo ritiro in sette gare. I 69 punti di distacco da Rossi capolista sembrano davvero tanti da recuperare anche per un fenomeno come il Cabroncito. Dopo il ritiro del Mugello, è ancora tradito dalla sua Ducati Andrea Dovizioso che accusa un problema al traction control. Doppio zero per il Ducatista nelle ultime 2 gare, che si vede superare in classifica dal compagno di team Andrea Iannone. Ottima prova del numero 29 che partito dalla 12° posizione chiude la corsa in quarta.

CRONACA DELLA GARA

Pronti, via e si perdono da subito le tracce delle Suzuki di Expargarò e  Viñales partiti dalle prime due posizioni. Parte a fionda Lorenzo che stacca subito il gruppone seguito a ruota da Marquez. Ottima la partenza di Rossi che si porta dietro al Dovi in 4° posizione. Cade intanto Crutchlow al via dopo un contatto con Aleix Expargarò. Quando la testa della corsa, in Spagna, sembra una pratica tra i due spagnoli Jorge e Marc, ecco che il campione del mondo sbaglia la staccata in entrata di curva e per non centrare il connazionale finisce nella ghiaia, rialzandosi soltanto per accompagnare la sua Honda ai box. Con Marquez fuori dai giochi, spunta dalle retrovie il 46 del dottore che si libera in fretta di Dovizioso, il quale come detto lascerà la corsa poco dopo per problemi tecnici. Vale prova a recuperare il vantaggio di Lorenzo di 1 secondo e 6 decimi, riuscendo a rosicchiare soltanto i 6 decimi che si riveleranno insufficienti per tentare un attacco ai danni del maiorchino.

Fissa quindi la sua bandiera, Lorenzo, anche in terra di  Cataluña dopo un gran premio dominato dall’inizio alla fine. Si candida come pilota da battere in questo mondiale e come leader interno alla Yamaha. Servirà il miglior Valentino Rossi per fronteggiare un martillo cosi performante. Di certo, il primo miglioramento da ricercare per il dottore, se vorrà lottare per il mondiale, deve assolutamente essere una qualifica migliore. E’ crisi nera invece per Marc Marquez che, se da un lato come è evidente, patisce i problemi attuali della Honda, dall’altro si mostra irrequieto e incapace di gestire questi momenti di difficoltà. Il campione del mondo porta a casa l’ennesimo zero e dice cosi addio ai suoi sogni di gloria nel mondiale.

 

Tags
Mostra di più

Andrea Lorenzini

Laureato in Scienze della comunicazione, con magistrale in Editoria e Giornalismo e votazione di 110/110 e lode presso l'università di Roma Tor Vergata. Appassionato di sport (che pratico in grande quantità), esperto di motori, mi occupo di comunicazione ma la vera passione è la scrittura. Il giornalismo in particolare lo considero "la pietra miliare della democrazia: il cane da guardia del potere". Sono amante della lettura, della buona compagnia e del vino, rosso e di qualità è meglio. Sogno nel cassetto? Reporter inviato, di sport ovviamente.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker