NewsNews in evidenzaPolitica

Pogliese ammicca alla proposta di Berlusconi

Forse la destra ha trovato il suo candidato alla presidenza della regione Sicilia. Quasi, quasi ora può anche cadere quel governo instabile che sta alla regione guidato ad un Rosario Crocetta stra riciclato, tenuto in forza solo perchè non ci sarebbero gli uomini, sia a destra che a sinistra, capaci di frontenggiare il Movimento 5 Stelle qualora si andasse ad elezioni.
E se il Pd ancora brancola nel buio, dall’altra parte giunge opportuno l’intervento del cavaliere con una di quelle azioni risolutorie che tanto lo contraddistinguono: alla vigilia del suo arrivo in Sicilia, dopo tre anni di assenza, l’ex premier in una intervista rilasciata alla Sicilia lancia l’europarlamentare catanese Salvo Pogliese alla presidenza. «Noi siamo gli unici in grado di dare una speranza alla Sicilia – dice Silvio Berlusconi  e poi aggiunge – Abbiamo gli uomini giusti per farlo, e uno di loro è certamente Pogliese.»
Ci va cauto il leader di Forza Italia «parlare di candidature è ancora prematuro» ma nel momento in cui fa un nome dà un segnale forte e chiaro, chiaro anche per quelli che potrebbero essere gli alleati per le prossime regionali e che incontra appena atterratto a Palermo ovvero Saverio Romano e Nello Musumeci, insomma i parenti lontani ma vicini che potrebbero essere pronti a correre tutti insieme appassionatamente pur di averla vinta contro il Pd e soprattutto il M5S che al momento sarebbe il primo partito in Sicilia.
«Sono grato al presidente Berlusconi per aver voluto fare il mio nome – commenta a caldo Salvo Pogliese – per me chiaramente, da siciliano visceralmente innamorato della propria terra, sarebbe un grandissimo onore e una responsabilità che sentirei fortissima». L’europarlamentare catanese non disdegna l’invito al contrario si dice onorato ma poi come protocollo vuole aggiunge «È ancora molto presto per parlarne, considerato che il voto per la Regione non è esattamente dietro l’angolo, e certamente nello schieramento di centrodestra ci sono anche altri nomi che meritano grande attenzione e rispetto.»
articoli correlati 200 a cena con Berlusconi
Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.