fbpx
CronacheNews

Pizzo da 1000 euro al mese. 8 arresti – VIDEO

I carabinieri del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato otto persone ritenute a vario titolo responsabili del reato di estorsione in concorso aggravata dall’aver agito avvalendosi delle condizioni previste dall’art. 416 bis.

Si tratta di:

  • Mirko Presti
  • Antonino Bonaccorsi
  • Francesco Carmeci
  • Gaetano Doria
  • Rosario La Rosa
  • Carmelo Aldo Navarria
  • Gianluca Presti Antonino Prezzavento

I provvedimenti scaturiscono dall’esito di una attività info-investigativa sviluppata qualche mese fa dalla quale è emerso che un imprenditore di Belpasso (CT), operante nel settore edile, era sottoposto al pagamento di mille euro mensili sotto forma di “pizzo” al gruppo mafioso egemone in quel territorio, collegato alla famiglia Santapaola-Ercolano e capeggiato da Carmelo Aldo Navarria ritenuto particolarmente pericoloso, recentemente scarcerato dopo 26 anni di detenzione per 416 bis, omicidio ed altro.

Il 19 novembre, Mirko Presti, a bordo della sua auto si è recato presso il luogo designato e si è fatto consegnare dall’imprenditore la cifra di 300 euro. Intervenuti i Carabinieri, hanno bloccato l’estortore. Ma se ad un primo colloquio, l’imprenditore ed il socio hanno negato di essere vittime di estorsione, dopo molte ore hanno ammesso che da oltre un anno Navarria richiedeva un pizzo di 1000 euro al mese, poi portato a 600 euro a causa delle difficoltà dell’azienda e aveva tolto anche l’uso di un terreno.

L’imprenditore ha ammesso che era stata la paura a non farlo andare nemmeno al pronto soccorso dopo il pestaggio di cui era stato vittima l’anno precedente, dove aveva riportato gravi lesioni. Solo dopo alcuni giorni si era presentato all’ospedale, infatti, per il terribile dolore che le ferite gli causavano.

Lunedì mattina, il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il provvedimento pre-cautelare ed ha disposto la custodia in carcere per gli otto soggetti.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button