fbpx
Nera

Picchia moglie e figlia con una canna di bambù, arrestato padre violento

Ha picchiato moglie e figlia minorenne.

È l’accusa rivolta ad un bracciante agricolo di Grammichele, che, in vacanza con tutta la famiglia, in camper a Marina di Modica, avrebbe percosso la moglie e la figlia minorenne con una canna di bambù.

La causa di questa furia cieca sarebbe stata la richiesta della figlia di passeggiare con dei ragazzi conosciuti poco prima. La madre, per difendere la ragazzina dalle violenze del marito, sarebbe stata ammanettata a letto e picchiata davanti ai quattro figli.

Dei passanti, dopo aver assistito al litigio, hanno segnalato l’accaduto ai carabinieri.  Una volta arrivate le Forze dell’Ordine, l’uomo ha insultato e minacciato di morte gli agenti.

Bloccato, il bracciante è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e resistenza e minaccia a pubblico ufficiale.

Le vittime sono state portate all’ospedale di Modica, dove sono state assistite e medicate. Madre e figlia guariranno nel giro di una settimana.

In seguito a questo violento episodio, è stato ritenuto opportuno che la donna e i suoi figli fossero affidati ad una comunità protetta.

Il Gip, durante l’udienza di convalida, ha accolto la richiesta di custodia cautelare in carcere avanzata dal sostituto procuratore di turno.

EG.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button