fbpx
CronachePrimo Piano

Picchia la moglie con una tenaglia: in manette 64enne di Giarre

Da anni, una povera 54enne viveva tra le violenze e la gelosia morbosa del marito. A salvarla le videocamere di sorveglianza installate dal figlio.

È successo a Giarre, dove i carabinieri della Stazione di Macchia hanno arrestato un uomo di 64 anni con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. L’indagato, a seguito di una violenta discussione, aveva colpito più volte alla testa la moglie con una pinza. La foga dell’aggressione ha provocato alla poveretta un trauma cranico con ferita lacero contusa,come constatato dai medici del pronto soccorso dell’ospedale di Giarre. Qui i carabinieri hanno ascoltato la testimonianza della moglie e immediatamente avviato le indagini.

Nel corso delle perquisizione, i militari hanno riscontrato come la situazione potesse facilmente scaturire in tragedia in quanto l’aggressore detenesse alcune armi. Proprio per questo motivo, uno dei figli della coppia aveva installato una videocamera collegata al proprio cellulare al fine di monitorare il comportamento aggressivo del padre. Così la scorsa notte, il giovane aveva potuto assistere al violento litigio tra i genitori, bloccare il padre e chiamare i soccorsi.

Arrestato il 64enne e sequestrati tre fucili e una pistola, tutte armi detenute legalmente dall’uomo.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker