fbpx
GiudiziariaPrimo PianoSenza categoria

Piazza Patanè diventa proprietà del Comune di Acireale

Piazza Patanè è definitivamente di proprietà del Comune di Acireale. Firmato l’atto che chiude il lungo contenzioso al Palazzo di Città dal sindaco, Stefano Alì, alla presenza dell’assessore al ramo, Mario Di Prima, assieme agli imprenditori Santo Pulvirenti e Giuseppe Coniglio.

Una diatriba legale durata oltre 30 anni

Nella seconda metà degli Anni 70, gli imprenditori Pulvirenti e Coniglio acquistano, in società, uno slargo compreso tra le vie Grassi Bertazzi e Michele La Spina. Uno spazio che, attraverso la delibera n. 418 datata 18 dicembre 1986 del Consiglio comunale, dovrebbe essere destinato a parcheggio pubblico dotato di area a verde. Il terreno, però, è di proprietà dei suddetti imprenditori. Pertanto, dopo l’Ordinanza n. 28 del sindaco datata 28 aprile 1988 che dispone l’occupazione del bene immobile in questione in vista della successiva ed ipotizzata espropriazione, scatta una querelle di carattere giudiziario che, attraversando vari Tribunali, si trascinerà per oltre 32 anni.

Oggi, il primo cittadino acese, grazie all’ assistenza dell’avv. Nunzio Manciagli, riesce a mettere la parola fine ad una delle eredità negative più annose degli ultimi temp.

«Questo, in effetti, rappresenta un caso limite – ha affermato il sindaco Alì – per quanto attiene le questioni irrisolte. Un coacervo di provvedimenti che si sono rincorsi, sfiancando uomini e uffici. Sin dal mio insediamento ho inteso affrontare l’annosa vicenda, il cui lieto fine è giunto non solo con determinazione. Ma anche per la correttezza mostrata dagli imprenditori già proprietari di un terreno che si è trovato, suo malgrado, al centro di una girandola giudiziaria per oltre cinque lustri ovvero più di una generazione».

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button