fbpx
InchiesteNews

Perla Ionica: L’assegno “nullo” della cauzione

Seconda Puntata – Dall’indagine della Guardia di Finanzia… Che la figura del ricco arabo sia una strategia comunicativa per gettare fumo negli occhi dei siciliani che sperano così nell’arrivo in massa di facoltosi arabi (con tanto di mogli spendaccione) per risollevare le sorti di una terra martoriata?
L’investimento di Hal Hamed è pari a zero (vedi link), più che altro dietro di lui sembrano celarsi gli interessi dei soliti ricchi imprenditori che dalla transazione stessa sperano di ricavare una buona speculazione fine a se stessa.
Un capitolo su cui vale la pena ancora soffermarsi nella vicenda della vendita della Perla Ionica è quello riguardante la famosa cauzione di 4 milioni di euro.

Come detto anche nello scorso articolo (vedi link) la cauzione versata nel 2009, in occasione della prima asta, è stata recuperata per la vendita avvenuta nel 2014. Questa cauzione ha però una storia sofferta su cui si basò ampia parte dell’impianto investigativo della Guardia di Finanza (procedimento penale 7.636/10) che aveva riguardo, in particolare, per la Item srl (società dell’emiro) e sui tre commissari liquidatori Sebastiano Leonardi, Diego Montanari e Carmen Silvestri. L’indagine è stata archiviata ma lo stesso P.M. nel provvedimento di archiviazione non può fare a meno di rilevare delle “irregolarità”.
Con assegno ordinario, non trasferibile, il 30 luglio del 2009 i commissari ricevevano la cauzione di 4.635.000 euro pari al 10% del prezzo offerto per l’acquisto del complesso alberghiero.
Ci sono però alcuni appunti da fare. La Mantia emette un assegno non trasferibile anziché circolare, ciò in evidente violazione delle disposizioni sottoscritte e pubblicate nel disciplinare di vendita.
I finanzieri quando si recano negli uffici della Item srl sequestrano due fotocopie di uno stesso assegno: una mostra l’assegno privo di data e luogo, la seconda mostra il titolo scritturato in ogni sua parte.
Accade quindi che non sia l’emittente dell’assegno a mettere la data al titolo ma altra persona. Si noterà ad occhio (vedi immagine) che la grafia nell’assegno compilato interamente è diverso.

assegno2okassegno1

Tra l’altro finanzieri avranno anche modo di scoprire che in realtà nel momento in cui La Mantia consegnava la cauzione l’assegno era scoperto. Copertura che sarebbe arrivata quindi solo successivamente ed esattamente il 3 agosto (vedi foto).

estratto conto

In sintesi accade che i liquidatori quasi vogliano spingere la vendita favorendo la procedura: accettando un assegno inizialmente scoperto che non è circolare cui verrà inserita la data solo dopo aver accertato che il denaro è disponibile sul conto corrente.
Si fa inoltre presente che un assegno, come scriveranno nell’informativa di pg i finanzieri, privo di data è da ritenersi nullo a parere della Suprema Corte. Insomma la Item dell’emiro & Co offrì una cauzione nulla.

Fine seconda parte….

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker