fbpx
CronachePrimo Piano

Per Bucolo i turisti a Catania sono ciechi

Questo il significato della parole del direttore esecutivo di TBEX Europe 2020

Bucolo, direttore esecutivo di TBEX, manifestazione che sarà ospitata a Catania nel marzo del 2020, lascia non poche perplessità e sgomento alle presentazione che si è svolta a Palazzo degli Elefanti.

Salvo Pogliese non ha nascosto gli sforzi che sta facendo l’Amministrazione nel promuovere la città di Catania nel mondo. Il primo cittadino nel puntualizzare che i fondi sono presi dalla tassa di soggiorno, che è stata triplicata, aveva espresso la sua soddisfazione nel vedere Catania sede del Travel Blogger Europe 2020.

I turisti a Catania per Mario Bucolo sono ciechi

A “tranquillizzare” l’Amministrazione comunale, sulla bontà della manifestazione arriva la sentenza di Mario Bucolo: «I turisti vedono solo i pregi dei luoghi e non i difetti».

Allora siamo messi bene. Anzi, solo per questo potremmo cavarcela e non fare la figuraccia di sempre.

Infatti, secondo Bucolo, i turisti non si accorgerebbero: di strade sporche e con spazzatura ovunque, di bivacchi (più volte sgomberati ma puntualmente riapparsi) e, tanto per dirne una a cui il turista generalmente non fa caso, ma solo se non amante della pulizia, dei B&B con l’acqua singhiozzo.

Ma sarà vero? Ovviamente no, tanto che il noto sito Trip Advisor è pieno di segnalazioni di disfunzioni.

A queste, aggiungiamo altri esempi: musei chiusi il fine settimana, i resti del Teatro Romano di piazza Stesicoro aperto solo 4 giorni su 7 ed un abusivismo edilizio fin dentro l’Odeon di via Vittorio Emanuele. I turisti pertanto così stupidi non sono, e nemmeno ciechi. Aspettano solo di tornare in albergo per sganciare le bombe, alias le recensioni negative.

Agen: «Non parliamo dei difetti del nostro territorio»

Se Bucolo sconvolge, Pietro Agen, presidente della Confcommercio Sud-Est, non è da meno. «Qui ci giochiamo la faccia. Cominciamo subito a lavorare», afferma Agen. «Non dite i difetti del nostro territorio, ma facciamo squadra». Che sia una esortazione alla censura? Che sia un invito a non palare dei problemi della nostra città nel nome del Dio Denaro? Da domani, quindi, niente articoli su semafori guasti in incroci pericolosi, niente più articoli su disfunzioni della raccolta dei rifiuti urbani. Zitti tutti, facciamo brutta figura e poi per carità, allontaniamo i turisti da Catania. Sacrilegio! Ma i rifiuti lasciati abbandonati proprio accanto al Duomo come facciamo a nasconderli a gli occhi dei turisti?

 

Di certo sarebbe stata “una tappa di Wondertime tra i luoghi della munnizza non puliti dalla Dusty!”, così come proposto qualche tempo fa su Facebook dallo stesso Mario Bucolo. Lo stesso che ora dice che i turisti non si accorgono d nulla. Evviva la coerenza.

 

Fatto sta che noi siciliani dovremmo poter vivere di turismo, ma questo non è sempre possibile in quanto abbiamo un’organizzazione carente.

Non siamo noi del L’Urlo a dirlo, ma l’Assessore al Turismo della Regione Sicilia, Manlio Messina, intervenuto alla presentazione dell’evento. «Questa terra dovrebbe essere uno dei posti rinomati dal punto di vista turistico», ma ancora secondo Messina vi è molto da fare e da lavorare. Arriveremo in tempo per l’appuntamento del marzo 2020? Speriamo non sia un’arma a doppio taglio.

Intanto l’evento mediatico parte male con i numeri, visto che la diretta della presentazione in circa 8 ore ha raccolto appena 2 condivisioni e meno di 500 visualizzazioni.

TBEX 2020 Catania

 

Tags
Mostra di più

Salvatore Giuffrida

Classe 70. Giornalista per passione ma nella vita passata chimico e topo di laboratorio. Un buon vino ed un piatto tipico sono sempre ben accetti. Per gli animali un amore sconfinato.

Potrebbe interessarti anche

Leggi Anche

Close
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker