fbpx
Cronache

Passeggeri in crescita all’aeroporto di Catania

Numeri incoraggianti che segnano una ripresa costante dei transiti nell’Aeroporto di Catania e che, a meno di brusche frenate dovute all’emergenza pandemica, sono destinati a crescere. 

SAC comunica che, nei mesi di giugno e luglio 2021, lo scalo etneo ha visto un progressivo aumento dei passeggeri sia in arrivo che in parenza; performance che, secondo l’ufficio Commerciale e Marketing della Società di gestione dell’Aeroporto di Catania, si replicheranno nei mesi di agosto e settembre 2021.

La crescita, avviata nel mese di giugno 2021 quando i passeggeri sono stati 585.830 contro 1.038.957 de 2019 (-45,54%), ha subito un ulteriore slancio nel mese appena concluso. Rispetto allo scorso anno, infatti, a luglio 2021 i passeggeri sono stati 842.000 contro i 403.490 dell’anno precedente, con un incremento percentuale del 108,68% rispetto al 2020. Numeri importanti che restano incoraggianti anche se paragonati al 2019, quando i passeggeri sono stati 1.114.763, (-24,47%).

Ad agosto 2021, l’incremento è ancora maggiore: nel mese appena iniziato sono previsti infatti 950.000 passeggeri rispetto ai 1.127.529 del 2019 (-15,74%). Nel mese di settembre, se le previsioni dovessero essere confermate, i passeggeri in transito saranno 820.000 contro 1.052.962 del 2019 (-22,12%).

L’aumento progressivo del numero di passeggeri, che da un lato segna la vivacità del comparto aereo, tornato quasi ai livelli precedenti l’emergenza sanitaria, ma che dall’altro ha imposto alcuni accorgimenti per garantire il rispetto delle regole dettate dai governi nazionale e regionale per contenere la pandemia, ha spinto la Società di gestione dell’Aeroporto di Catania a mettere in campo alcune azioni per agevolare l’utenza, andando incontro alle esigenze dei viaggiatori pur nel rispetto delle prescrizioni.

Area Kiss & Fly

Dal 23 luglio, è stato ripristinato il traffico veicolare sulla rampa Partenze. La riapertura della corsia sopraelevata, riservata esclusivamente alle automobili private -sono dunque esclusi gli autobus, i minivan, le navette, i taxi e i noleggi con conducente- è stata fortemente voluta da SAC per agevolare la viabilità aeroportuale, snellendo i sempre più consistenti flussi veicolari e consentire agli accompagnatori di poter lasciare i passeggeri e scaricare i bagagli.

Parcheggi e promozioni

L’aumento progressivo del traffico passeggeri e il permanere delle misere anti Covid, hanno spinto la Società di gestione dello scalo etneo anche ad estendere la mezz’ora gratuita di sosta in tutti i parcheggi.

Non solo nei P5 e P6, dove tra l’altro prosegue la promozione Premium con la tariffa speciale di 2 euro al giorno: in tutte le altre strutture gestite da SAC (P1. P2 e P3) si può lasciare l’auto per 30 minuti senza pagare. Un’iniziativa per consentire il carico e scarico dei bagagli e l’attesa in sicurezza dei propri cari.

“Numeri vicini ai mesi pre-Covid”

«Nel mese di luglio abbiamo registrato un aumento del traffico passeggeri che, con grande sorpresa rispetto alle previsioni, si è avvicinato a quello registrato prima dello scoppio della pandemia da Covid 19 – afferma l’amministratore delegato della Sac, Nico Torrisi. Siamo prudentemente ottimisti anche considerando i dati previsti per i mesi di agosto e settembre, ma dobbiamo guardare al futuro con grande cautela e continuare a essere estremamente prudenti e attenti, rispettando le disposizioni. Nonostante le difficoltà e pur in un anno complicato come quello appena passato, il comparto aereo ha comunque dimostrato di saper reagire e di rispondere immediatamente alle esigenze del Paese”.

«Il procedere della campagna vaccinale ci dà speranza e ci incoraggia a guardare con moderato ottimismo al futuro– aggiunge il presidente della Sac, Sandro Gambuzza. I numeri in continua evoluzione ci costringono però a restare vigili e prudenti: non dobbiamo essere allarmisti, ma richiamare tutti, passeggeri, accompagnatori e personale aeroportuale, a rispettare tutte quelle norme che, speriamo, riescano a tenere lontano questo virus. Siamo ancora distanti dalla normalità e solo con comportamenti individuali corretti possiamo sperare di lasciarci questo incubo alle spalle prima possibile».

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button