fbpx
EditorialePoliticaPrimo Piano

Panorama politico in Sicilia dopo gli ultimi sondaggi nazionali

L'M5S crolla, sorprese nell'area di centrodestra

I numeri parlano chiaro. Il M5S sta rovinosamente precipitando secondo le rilevazioni dei principali istituti di sondaggi sui partiti italiani.
Mentre la Lega si mantiene stabilmente sopra la soglia del 30%, il M5S naufraga nel nulla cosmico, aggrappato a un 27,4% destinato al tracollo.

La risposta a questo inarrestabile declino, paradossalmente, la fornisce in aula a Palazzo Madama Matteo Renzi.

“Il vostro nemico è la realtà che vi sta presentando il conto”

Il Decreto Genova è l’assist che l’ex premier aspettava per offrire il benservito a questo Governo.
Ma nulla di nuovo all’orizzonte: si tratta della sintesi di una mutazione che da anni ex attivisti ed ex parlamentari in quota M5S gridano e che solo adesso, a fatti compiuti e palesi, hanno permesso a qualcuno di ravvedersi. Forse qualcosa in più di “qualcuno”, visti i sondaggi. Già dal “contratto di Governo” stipulato tra la Lega e il M5S, sono stati moltissimi i grillini ad aver levato le tende, aprendo così le porte ai ‘poltronisti’ pronti all’assalto.

Insomma, questa coalizione pentaleghista, seppur temporanea, si è rivelata assolutamente nociva al partito di Luigi Di Maio, e infatti i risultati si sono visti.

Guadagna terreno senza incredibili slanci di entusiasmo il PD. Con il suo 17,6% al nazionale, in Sicilia vengono riaccese le speranze al partito che sembrava destinato all’ingloriosa fine. Defibrillatore dello stato comatoso in cui vegetava, la candidatura alla segreteria regionale di Davide Faraone che, sostenuto dall’on. Luca Sammartino, ha ben poco da temere dai suoi rivali.

Stessa situazione anche per Forza Italia al 8,8%, perciò in leggero rialzo. A Catania, roccaforte del partito nell’isola, si appresta a concludersi la tre giorni degli azzurri dove si inizia a tracciare la linea della prossima competizione elettorale intercettando quindi gli aspiranti candidati di punta al Parlamento Europeo per l’area di centrodestra.

Sotto la soglia del 5% FdI (3,7%), +Europa (2,5%), LeU (2,2%), Potere al popolo (2,1 %). Numeri che in Sicilia sono soltanto un lontano miraggio.

Il ribaltone siciliano

In Sicilia i sondaggi non fanno testo, se non in via del tutto marginale. Stando alle nostre previsioni, le elezioni europee sfuggiranno come spesso accade le tendenze nazionali. Nonostante gli scivoloni registrati nell’ultimo periodo, al regionale il M5S consegnerà risultati brillanti.

Lascerà a bocca aperta Gianfranco Micciché che riuscirà a canalizzare i consensi elettorali dei delusi del PD e del M5S. Da non sottovalutare poi il fatto che, una volta entrati in FI Firrarello, La Via, Castiglione, D’Asero con il loro pacchetto di voti, il partito prende in dote un florido bacino destinato a sbancare specialmente a Catania.

Ancora poco decifrabili i risultati che potrebbe raggiungere la Lega in Sicilia dopo la ‘mano santa’ del commissario Candiani, specialmente nel versante occidentale. Con l’ingresso del consigliere comunale di Palermo Igor Gelarda, la Lega ha iniziato a solcare la strada dell’ascesa del partito in Sicilia.

A Sinistra la situazione è ancora troppo frammentaria. Le varie formazioni sono in fase riorganizzativa dove predominano quei personalismi ancorati a logiche del passato sebbene il terreno dovrebbe essere dei più fertili per ricompattarsi. Questione di strategie che evidentemente passano in secondo piano.

 

 

 

Tags
Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker