fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Controlli antidroga: arrestato lo spacciatore del “panaro”

D'ARRIGO Santo Oreste classe 1984Personale della Polizia di Stato ha tratto in arresto D’Arrigo Santo Oreste (cl.1984), responsabile del reato di detenzione illegale ai fini di spaccio di sostanze stupefacente del tipo cocaina, hashish e marijuana.

Nell’ambito dell’attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti su piazza, personale della Sezione “Antidroga” apprendeva che in questo corso Indipendenza, un uomo aveva avviato, nelle ore serali, una fiorente attività di spaccio di stupefacenti presso la propria abitazione, utilizzando il sistema del c.d panaro – cesto in vimini, ndr –  per vendere la droga e ricevere, in cambio, il denaro.

Invero, il sistema si rivelava non solo ingegnoso ma consentiva allo spacciatore di far passare inosservata la sua condotta illecita.

La notizia veniva appositamente verificata dagli uomini della Sezione Antidroga con mirati servizi di p.g., corredati da video-riprese, che consentivano l’identificazione dell’uomo, l’individuazione dell’abitazione e svelare le modalità dello spaccio.

Le immagini, abbinate alla tradizionale attività di p.g. –  riscontro delle cessioni tramite il controllo degli acquirenti – permettevano di accertare come dalla veranda della propria cucina, D’Arrigo servendosi di un secchio, assicurato ad una corda, effettuava la  cessione dello stupefacente, previo pagamento dello stesso.

Dopo avere acquisito indubbi riscontri circa l’attività di spaccio in flagranza, gli uomini dell’Antidroga eseguivano una perquisizione domiciliare nell’abitazione del D’Arrigo ad esito della quale, venivano rinvenuti e sequestrati:

  • nr.2 involucri in plastica contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana per un peso complessivo di grammi 18.
  • nr.1 involucro in cellophane trasparente con apice termosaldato contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di gr. 4.
  • sostanza stupefacente del tipo hashish per un peso complessivo di gr. 68.
  • nr.1 bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.
  • 1.500 euro in contanti.

 

Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato associato presso la casa circondariale di piazza Lanza a disposizione del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Catania.

 

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button