fbpx
Sport

Pallavolo, finale nazionale under 14: corsa allo scudetto per i catanesi

La Roomy debutta nel migliore dei modi

La prima “storia” è scritta. Ed era l’obiettivo minimo che la Roomy ’78 si era posta alla vigilia della finale nazionale Under 14 maschile. La società catanese ha ragione del Cuneo (3-1) e conquista un posto tra le prime otto d’Italia.

Domani mattina i quarti di finale: oggi pomeriggio la sfida con Trentino per stabilire chi concluderà in prima posizione il girone. Grande emozione condivisa con il pubblico anche stamani, dopo l’ultimo punto messo a terra da Gabriele Di Grazia, dopo la striscia “super” al servizio di Matteo Maccarrone (dal 18-21 per Cuneo al 25-21 finale che fissa il risultato sul 3-1). Emozione suggellata dall’abbraccio tra Giovanni Bottino e Giovanni Barbagallo, allenatore e direttore tecnico della Roomy, che 17 anni fa, quando l’attuale tecnico era un giocatore a parti invertite superò Cuneo, conquistando ad Ariccia il bronzo nell’allora finale Under 15. Emozione condivisa anche nel volto di Alessandro Maccarrone, che coadiuva Bottino, e di Massimo Majorana, direttore generale della società etnea. La partita è un’altalena di emozione. Primo set sempre in mano alla Roomy ’78. I ragazzi di Bottino conducono le operazioni sin dalle prime battute. Nel momento decisivo allungano il passo con Maccarrone e Buondonno, che firma l’ace del 21-18. Un break piemontese vale il pareggio. La rimonta non annichilisce la squadra di casa che allunga il passo (24-21, Di Grazia positivo). Comincia l’altalena di emozioni. Cuneo annulla tre set point, ma al quarto Maccarrone mette tutti d’accordo, piazzando l’ace del 26-24.

Nel secondo parziale Di Grazia è sul pezzo, attacca dalla prima e dalla seconda linea. Spina in regia detta i tempi. La Roomy conduce 14-13 (Di Grazia in lungolinea). L’ace di Caruso vale il 15-13. Si ripete Di Grazia. Cuneo frena la volata catanese (16-14). Un errore in seconda linea e un contrattacco Cuneo riporta tutto in parità. Il muro di Maccarrone vale il 19-17- L’ace di Di Grazia lancia la Roomy (20-17). Si ripete il trend del primo parziale. Nel momento decisivo Cuneo ritorna sotto e opera il sorpasso (22-21). Ci pensa Maccarrone, al secondo tentativo di contrattacco, a fissare la parità. Spina, in battuta, sbaglia. Cuneo accelera, la Roomy commette qualche errore di troppo. I piemontesi riportano la situazione in parità (25-23).

Nel terzo parziale, la Roomy non subisce il contraccolpo. La squadra di Bottino spinge sull’acceleratore senza arretrare un passo, senza sbagliare un colpo. Cuneo cede in ricezione, la battuta di Di Grazia e compagni è efficace.  Intensità massima: Bottino tiene alta la tensione dalla panchina. I suoi ragazzi dal campo traducono le indicazioni in punti (Maccarrone firma il 14-10), il più sei è sigillato dal muro di Redigolo. Gioca in scioltezza la squadra di casa Spina orchestra al 2 per Maccarrone che trova il lungolinea vincente (17-10). E’ travolgente la Roomy ’78 in  battuta con Maccarrone che in salto firma un ace dietro l’altro (22-11). Redigolo in diagonale stretto scaraventa a terra il 25-12.

Nel quarto set, Cuneo prova a reagire, a rispondere alle istanze etnee. Di Grazia si fa valere, bene Orto quando è chiamato in causa. Caruso a muro piazza il punto del 13-14. Cuneo forza il servizio, deve rischiare. Operazione che vale il più quattro (13-17). Si gioca sul filo del rasoio e delle emozioni. Di Grazia, dalla seconda linea, è puntuale all’appuntamento (17-20). E’ partita vera, nessuno ci sta a perdere. C’è in palio la qualificazione ai quarti. Occorre coraggio quando il risultato è fissato sul 21-18 per Cuneo. Maccarrone in battuta si rivela decisivo: Di Grazia archivia la pratica col 25-21 finale. “Vorrei dedicare la vittoria e la qualificazione ai quarti di finale ad Isidoro Nicotra, oggi sarebbe stato felicissimo”, rivela emozionato Barbagallo. “Siamo stati bravi – ricorda capitan Di Grazia – siamo una squadra, un gruppo. Nei momenti di difficoltà ci siamo uniti”.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.