fbpx
LifeStyleTeatro

“Palcoscenico Catania”: i grandi autori si animano per raccontare la città

14 spettacoli, 81 artisti e 48 tecnici. Sono questi i numeri di “Palcoscenico Catania”, il programma degli eventi natalizi dell’Amministrazione Comunale.

Il cartellone è stato realizzato con il coordinamento dell’assessorato alla Cultura retto da Barbara Mirabella, cofinanziato dall’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo guidato da Manlio Messina e in parte coi fondi della tassa di soggiorno. Dunque, ancora una volta senza incidere sulle risorse del Comune.

«Abbiamo messo in campo un programma ricco e importante che dimostra come nonostante l’emergenza sanitaria la città non si sia fermata e tramite i nostri attori. Lo faremo in modalità digitale perché le norme ci impediscono la modalità in pubblico. Ma è segno della grande attenzione e del sostegno che stiamo dando al mondo della cultura e del teatro gravemente colpiti dal Covid. Con un certo orgoglio possiamo affermare che siamo una delle pochissime città italiane a farlo», dichiara il sindaco Salvo Pogliese presentando “Palcoscenico Catania”.

Teatro e beni architettonici si incontrano

Le location prescelte saranno palcoscenici naturali immersi nello spettacolo dei beni architettonici e monumentali cittadini Dal Giardino Bellini, fino al Castello Ursino, passando per Casa Verga, Teatro Massimo, Biblioteca Ursino Recupero, Monastero dei Benedettini, Palazzo Platamone, la Pescheria e Palazzo degli elefanti.

«Un progetto, senza costi diretti per il Comune che parte dalle opere dei grandi autori catanesi, da Brancati a Martoglio, ma anche Verga e Fava. Le compagnie teatrali, così, porteranno in scena le opere e i riadattamenti nel segno della nostra identità di catanesi e siciliana».

«Il cartellone rimodulato in modalità digitale e a distanza -ha aggiunto il primo cittadino- fatto apposta per valorizzare la contaminazione fra teatro e turismo in un fine anno che così non rimarrà senza eventi. La pandemia infatti ha letteralmente falcidiato il settore teatrale e culturale verso il quale l’amministrazione comunale continua a tenere i riflettori accesi. Per questo nostra piano d’azione, ringrazio sia il presidente Nello Musumeci che l’assessore regionale Manlio Messina che non fanno mai mancare il loro contributo di attenzione verso la città di Catania».

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button