fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Elipista bloccata e mancanza di presidi: ospedali in crisi

Dopo il caso dell’ambulanza bloccata al Garibaldi per 7 ore a causa dei presidi di sostituzione, si accendono i riflettori sulle problematiche degli ospedali.

Piú volte l’Associazione autisti soccorritori italiani aveva sottolineato la necessità di eliminare questi gap che creavano disagi esclusivamente agli utenti.

Impossibile, dopo gli ultimi casi, non pensare alla mancanza dei box di ripristino, proposta dall’Aasi e necessità ribadita dalla Fials 118, in tutti gli ospedali della provincia, obbligando le ambulanze ad aspettare e, di conseguenza, privando di un mezzo essenziale il soccorso.

Allarmante anche la scarsa civiltà con cui i proprietari di auto sostano nei pressi dei pronto soccorso: un esempio è quello di via Dolo, al vecchio Garibaldi, dove nonostante le segnalazioni il parcheggio continua ad essere selvaggio e bloccare i mezzi di soccorso in uscita. Situazione simile anche al Cannizzaro, dove persino la corsia preferenziale che collega l’elipista al Pronto Soccorso è occupata da mezzi in sosta.

E sempre al Cannizzaro si potrebbe segnalare la non apertura dell’ingresso di via Sgroppillo, preventivato per dicembre ma non ancora avvenuto, utile soprattutto per i quartieri e paesi nord limitrofi all’ospedale.

Criticità simili a quelle fino ad ora elencate non si trovano esclusivamente negli ospedali cittadini ma anche in quelli periferici, come quello di Acireale, Militello Val di Catania, Biancavilla e Paternò.

“Sembrano criticità banali – dichiara Stefano Casabianca, presidente Aasi – ma sono quelle che fanno perdere più tempo. Per questo lancio un appello, affinché si possano superare presto e insieme a tutte le associazioni”.

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button