Nera

Omicidio via Sardegna, i vicini inveiscono contro “l’assassino” -VIDEO

Una domenica gioiosa, allietata dai festeggiamenti in onore di San’Agata, si è trasformata in un invito al macabro a causa dell’omicidio condotto da un figlio nei confronti del padre, in via Sardegna. 

L’omicidio.

Ieri mattina in via Sardegna, una parallela del Corso Indipendenza zona San Leone, è stato ritrovato il cadavere di un 80enne, Gaetano Italia. A fare la sconcertante scoperta i vicini di casa, i quali hanno intravisto una mano penzolare da un vecchio mobile. 

Secondo una prima ricostruzione, tutto sarebbe nato da un litigio avvenuto intorno alle 03:00 di notte. I due figli, infatti, sarebbero stati visti mentre trasportavano un mobiletto in direzione dei cassonetti dei rifiuti intorno a mezzogiorno. I vicini, allarmati, hanno così chiamato le Forze dell’Ordine.

L’assassino

crediti foto ansa

Inizialmente, i maggiori sospettati erano entrambi i due figli dell’uomo i quali erano tornati a vivere con il padre e la madre, da circa sei anni. Successivamente, nel pomeriggio, a seguito di più accurate indagini la colpevolezza è ricaduta solo su uno dei figli, Alberto Italia. Secondo le varie testimonianze, il quarantenne non era nuovo ai litigi con il padre. Pare inoltre che vi fossero già alcune denunce a carico dei due uomini.

La questura ha aperto un fascicolo. Il presunto assasino, è stato arrestato in flagranza differita con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere dalla squadra mobile. Interrogato dal Pm Martina Nunziata Bonfiglio alla presenza del suo legale di fiducia si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Sembra che l’uomo avesse un divieto di avvicinamento alla famiglia emesso dal Gip su richiesta della Procura.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.