fbpx
MafiaNews in evidenzaPalermo

Oggi, anniversario della morte di Pino Puglisi. Il fratello: “Non perdono i killer”

Oggi ricorre il 22° anniversario dell’omicidio di Pino Puglisi, il parroco di Brancaccio ucciso il 15 settembre 1993, nel giorno del suo compleanno. Fitto il programma della commemorazione alla quale partecipano anche i fratelli del Beato.

Al sacerdote il riconoscimento anche della Presidenza della Repubblica: il 24 settembre i fratelli Puglisi, Francesco e Gaetano, ritireranno al Quirinale la Medaglia d’oro al valor civile conferita a Pino Puglisi dal capo dello Stato Sergio Mattarella.

Per l’omicidio di Pino Puglisi, sono stati condannati in quanto mandanti i fratelli Graviano, boss di Brancaccio e l’esecutore materiale Salvatore Grigoli, convertito da quel sorriso che gli ha riservato padre Puglisi mentre veniva ucciso, e oggi collaboratore di giustizia.

“No, non mi sento di perdonare chi ha ucciso mio fratello”, ha detto Gaetano Puglisi, 84 anni, intervenuto alla trasmissione “Voci del mattino”, di Radio 1 Rai. “Avrei preferito fosse ancora vivo, in mezzo a noi, piuttosto che Beato, che e’ naturalmente una cosa piacevole – ha aggiunto – Io pagavo la retta dei suoi studi in seminario, visto che la nostra era una famiglia povera: mio padre faceva il calzolaio, mia madre la sarta, era un periodo triste. Il mio matrimonio fu il primo celebrato da Don Pino e quel giorno ci mettemmo a piangere tutti. Ricordo un episodio che mi colpi’ molto – ha detto Gaetano Puglisi – lo andai a trovare in chiesa mentre lui officiava la messa. Al termine gli chiesi perché, contrariamente alla procedura normale nella quale le offerte si raccoglievano durante la messa, quella volta venne messo un vassoio davanti la porta. E lui mi disse che chi voleva metteva i soldi e chi li voleva prendere li prendeva. Questo mi disse Pino e la cosa mi impressionò molto”.

Leitmotiv della commemorazione è il monito che Padre Puglisi ripeteva incessantemente a bambini ed adulti:
“Se ognuno fa qualcosa, allora si puo’ fare molto”.

mazo

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi Anche
Close
Back to top button