fbpx
CronachePrimo Piano

Nomadi tentato di derubare in casa anziani: tre arresti

Due ladre e un complice: è questo il frutto di un’operazione condotta dai carabinieri dopo la segnalazione di un tentativo di furto in casa di due anziani. 

I tre avevano individuato come loro preda una coppia di anziani ottantenni, lui invalido e lei arzilla nonostante l’età, abitanti nella frazione acese di Guardia Mangano. Le due donne si erano presentate presso l’abitazione degli anziani con la scusa di dovergli consegnare un rimborso della farmacia.  Ma che, preventivamente, era necessario
effettuare un non meglio specificato controllo sui numeri seriali di una banconota da 50 euro.

L’anziana ha immediatamente risposto loro di non aver denaro con sé. Quindi una delle due, la più giovane, fingendo  di utilizzare il bagno si è recata in camera da letto per frugare tra le cose della donna. L’altra complice, nel frattempo,  s’intratteneva con la signora che, a dispetto dell’età matura, ha subodorato il guaio notando la luce accesa della propria stanza da letto.

Proprio in quel mentre, però, ha fatto ingresso nell’abitazione la figlia 50enne della proprietaria con il figlio di 17 anni. I due, intuita la situazione, hanno cercato di bloccare le due truffatrici. Ma la 23enne, che aveva arraffato dei monili dalla stanza da letto, con un salto atletico è riuscita a scavalcare la recinzione lasciando la più anziana intrappolata per l’incapacità di seguirla nella fuga.

Alla ricerca dei fuggitivi

Ad aiutare la giovane il “palo” che si trovava a bordo di una Fiat 500 posteggiata dinnanzi l’abitazione. L’uomo, accortosi che la figlia della vittima era uscita in strada e stava chiedendo telefonicamente aiuto ai carabinieri, l’ha spintonata violentemente cercando senza riuscirci di strapparle il telefonino dalle mani. I due quindi, loro malgrado, sono scappati lasciando la loro complice ancora chiusa all’interno dell’abitazione degli anziani.

I militari, giunti immediatamente sul posto, dopo aver fermato la 69enne all’interno dell’abitazione. Recuperata anche la refurtiva abbandonata dalla complice durante la fuga.

Diramato la nota di ricerca dell’autovettura, questa con a bordo i due fuggitivi, si trovava in viale Ulisse a Catania. A fermarli  una pattuglia della Polizia di Stato. Identificati dei due malviventi da parte delle vittime, i militari hanno analogamente proceduto al loro deferimento all’Autorità Giudiziaria.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker