fbpx
CronachePrimo Piano

Nero Caffè di Acireale a rischio chiusura

Il Comune è poco trasparente, i giovani clienti protestano

Nero Caffè, frequentatissimo chiosco ad Acireale, rischia di chiudere. I giovani clienti protestano contro l’ordinanza comunale.

Il Nero Caffè

Da circa 10 anni Lucio Campione gestisce Nero Caffè, un chiosco in via Enaudi ad Acireale.

La struttura, regolarmente autorizzata è il frutto di tanto lavoro e sacrificio del giovane imprenditore acese.

Nero Caffè, grazie alla qualità dei prodotti e sopratutto alla simpatia del titolare, è infatti un punto di riferimento per i giovani della città.

La vicenda

«Dal 2014 subisco degli attacchi inspiegabili alla mia attività», ci dice Lucio Campione.

«Il Comune di Acireale, senza una spiegazione plausibile, mi sta costringendo a chiudere. Sono già stato costretto a licenziare parte del personale».

Molto amareggiato, il titolare del Nero Caffè ci confessa di essere stato molto male a causa delle angherie che si sono protratte nel tempo ai danni della sua attività.

Dopo circa dieci anni, infatti e senza alcun preavviso, l’Ufficio Urbanistica di Acireale pare accorgersi solo oggi di alcune presunte irregolarità.

lucio titolare nero caffèNero Caffè sarebbe stato autorizzato dal comune solo a livello amministrativo e non tramite la necessaria concessione edilizia.

A causa della mancanza di tale autorizzazione, il chiosco è oggi dichiarato inagibile.

La mancanza di agibilità determinerebbe la demolizione della struttura ed il ritiro della licenza del titolare.

Ricapitolando, il Comune revoca l’agibilità di una struttura e ne ordina la demolizione per la mancanza di un documento che il Comune stesso dovrebbe fornire.

Le conseguenze di un errore del Comune, quindi, pare debba subirle un lavoratore.

Dubbi

La situazione sembra paradossale, ma diventa veramente assurda leggendo l’ordinanza di demolizione firmata dall’ing.Giudice.

Il tecnico del comune, prima di emanare l’ordinanza, chiede parere nientepopodimeno che a se stesso.

Lucio Campione non si da pace, se la situazione non cambierà sarà costretto a chiudere e mandare a casa tutti i suoi dipendenti.

Il giovane imprenditore assistito dal suo avvocato ha già presentato un ricorso straordinario al presidente della Regione Nello Musumeci.

Ma perché tanto accanimento? 

Perché le attenzioni dell’ufficio urbanistica si sono concentrate di colpo Nero Caffè e su nessun altro dei numerosi chioschi presenti in città?

Stando al comune sentire, pare che qualche “amico degli amici”, residente vicino a Nero Caffè, sia infastidito dalla continua presenza di giovani nella zona.

Motivo per il quale avrebbe messo in moto una vera e propria macchina da guerra contro il chiosco.

È possibile che qualcuno, personalmente infastidito dalla clientela di Nero Caffè abbia fatto di tutto per mettergli i bastoni tra le ruote?

La protesta

Come detto, Nero Caffè è oggi un luogo di ritrovo per tantissimi giovani di Acireale.

striscione nero caffèSono proprio i giovani clienti del chiosco ad essersi riuniti per sostenere Lucio lungo questa paradossale battaglia in difesa del Nero Caffè.

In circa 200 infatti si sono ritrovati al chiosco per far sentire la loro voce all’amministrazione comunale.

È presente sul web un hastag #iostoconlucio, condiviso da tantissimi giovani su tutti i social network ed esposto da numerosi commercianti solidali al giovane.

Vicino al nero caffè è appeso un grande striscione con scritto “giù le mani dal chiosco“. La volontà dei giovani acesi sembra chiara.

«Nero Caffè per noi è una seconda casa», ci dice Graziano, giovane cliente del chiosco. «Lucio è una bravissima persona, non merita quello che gli stanno facendo. Da tanto tempo si spende per rendere questa piazzetta un luogo tranquillo, pulito ed accogliente».

Nel frattempo pare che il sindaco Stefano Alì si sia personalmente recato al chiosco per valutare insieme al titolare la situazione.

Acireale non è nuova a spiacevoli situazioni burocratiche, i cittadini chiedono sia fatta presto chiarezza.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker