fbpx
CronachePrimo Piano

Musumeci “blinda” la Sicilia: pronta la bozza della nuova ordinanza

La Regione prevede il ritorno di quasi 70 mila siciliani sparsi in tutta Italia prima del 21 dicembre. Numeri che rendono necessario un programma ad hoc per contenere i rientri. 

La bozza dell’ordinanza

Si suggerisce a chi ha programmato un viaggio fra venerdì prossimo e il 21 dicembre di arrivare con un tampone tradizionale effettuato non più di 3 giorni prima. Una volta mostrato l’esito del tampone, il viaggiatore potrà muoversi liberamente in Sicilia una volta messo piede sull’Isola, evitando così le lunghe code per il test all’uscita di porti e aeroporti.

L’ordinanza, messa a punto dal Governo Musumeci e in attesa della firma, prevede infatti che gli aeroporti ospitino due aree adibite ai controlli. Chiunque arrivi in Sicilia, dovrà sottoporsi ad un tampone rapida. Procedura analoga anche nei porti di Palermo e Termini Imerese.

I drive-in per i test rapidi saranno attivi 24 ore su 24 da venerdì 21 dicembre.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button