fbpx
Cronache

Movida, pub aperti oltre l’orario consentito: multe salate e chiusura per i gestori

Sanzionati 5 locali della movida catanese trovati aperti oltre l’orario di chiusura, fissato per l’1:00 di notte dai comparti competenti. La movida del capoluogo etneo, tuttavia, per chi la vive, sembra manchevole delle norme riguardanti il distanziamento dei tavoli e l’obbligo di indossare le mascherine.

Infatti, un proprietario di uno dei locali delle zone della movida, portavoce di tanti altri piccoli imprenditori, aveva informato la redazione de L’Urlo che i locali che rispettano le norme, ci stavano rimettendo le entrate giornaliere, ormai, notevolmente, inferiori rispetto ai tempi antecedenti al lockdown.

«Io nel mio piccolo ho sempre cercato di rispettare tutte le regole- fa sapere il proprietario, che resterà anonimo-ma ho fotografato personalmente locali che invece rimangono aperti ben oltre. Musica e bevande fino alle 02:00 di venerdì o sabato persino fino alle 03:00 del mattino. Così io ed altri proprietari rimaniamo proprio fregati. Troviamo i nostri clienti seduti in un altri pub perché, in quanto rispettosi delle regole, li mandiamo via all’una o non li facciamo sedere proprio se si presentano all’orario di chiusura stabilito».

L’appello alle forze dell’ordine è costante, ma poche sono le garanzie che i gestori di locali, pub e bar, ricevono. Infatti, la cittadinanza resta attratta dagli orari notturni, privilegiando i locali che rimangono aperti fino a notte inoltrata. I titolari di alcune attività esistenti con la movida, dunque, già da parecchi giorni avevano sensibilizzato, in merito, l’assessore alle Attività Produttive, Ludovico Balsamo. Il quale aveva rassicurato i proprietari dei pub affermando che avrebbe intensificato i controlli notturni e avrebbe reso più stringente l’ordinanza per i trasgressori. Ieri sera, fortunatamente, sono arrivate buone notizie per i gestori dei pub della movida: apertura prolungata fino alle due del mattino.

Multa di 400 euro e chiusura dell’attività per 5 giorni

Ma non solo. A seguito dei controlli effettuati dalle forze dell’ordine, due locali siti presso Via Teatro Massimo e altri 2 nella parallela Via Landolina, sono stati trovati, nel fine settimana, in piena attività alle ore 2:30 -come denunciato dagli altri gestori dei pub vicini- con tantissimi acquirenti seduti ai tavoli. A ciascuno dei titolari, dunque, si è applicata una multa di 400€ e la sanzione che prevede la chiusura provvisoria dell’attività per 5 giorni.

La polizia, notando la folta schiera di consumatori, scegliendo di non intervenire sul momento, ha notificato i verbali d’ufficio, nella giornata di ieri, lunedì 8 giugno, ai 4 esercenti. Inoltre, si segnala anche l’attività di un chiosco-bar ubicato in Piazza Pardo, trovato alle ore 4:10, della mattina di domenica, ancora in attività, in palese violazione dell’ordinanza sindacale prevista per le 01:00.

Il Sindaco Pogliese e l’Assessore Porto informano la cittadinanza che saranno eseguiti altri controlli, nei luoghi della movida catanese. Le ispezioni saranno finalizzate a garantire sia il rispetto delle regole in materia di contenimento al virus Covid-19 sia la concorrenza sleale.

G.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker