Nera

Lo massacrano per motivi passionali, in manette due uomini

Arrestati due uomini per un tentato omicidio a Gela, risalente al luglio scorso. Fondamentale l’identificazione da parte della vittima.

Tentato omicidio per motivi passionali

 Sono trascorsi sei mesi dalla violenta aggressione subita, nel corso della quale ha rischiato di perdere la vita. Adesso la vittima può prendersi la sua rivalsa sui due responsabili, che lo avevano colpito brutalmente con un martello da fabbro alla testa e in altre parti del corpo. Grazie alle accurate descrizioni fornite a suo tempo, le indagini condotte dalla Procura hanno permesso di risalire all’identificazione dei due aggressori: si tratta di due fratelli, che al momento sembra abbiano agito per motivi passionali. In seguito allo scontro, avvenuto lo scorso 24 luglio tra le vie del centro storico di Gela, la vittima aveva riportato lesioni gravissime, tra cui fratture multiple delle ossa del cranio.

Dopo l’arresto, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Gela hanno condotto i due uomini presso il carcere locale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Nel fascicolo d’indagine sono state inserite anche alcune rilevanti dichiarazioni fornite dalle persone informate sui fatti, nonché le registrazioni di un colloquio avvenuto tra i familiari della vittima.

V.L.B.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.