fbpx
CronachePrimo Piano

Mistero su bagagli smarriti di un intero volo atterrato all’aeroporto di Catania: la testimonianza di un passeggero

Si sarebbero disperse le valigie di un intero volo proveniente da Firenze, della compagnia aerea Vueling, numero identificativo: Veronay6864, con destinazione Catania. 

Un passeggero, G.P, racconta la sua esperienza identica a quella delle 150 persone a bordo dell’aereo atterrato lunedì 14 settembre all’aeroporto di Catania Fontanarossa. I passeggeri, scesi dall’aereo, si recano al rullo trasportatore dei bagagli ma lì, dopo 3 ore di attesa apprendono che i loro bagagli non sono mai partiti dall’aeroporto di partenza.

L’intervento dei passeggeri

Il passeggero G.P racconta alla Redazione dell’Urlo che dopo un’ora di attesa corredata da numerosissime richieste di reclamo e protesta per i bagagli che non arrivavano sul nastro, giunge in aiuto dei turisti un solo operaio. Nel frattempo molti sono coloro che indirizzano email al servizio di smarrimento bagagli dell’aeroporto non ottenendo risposta. L’operaio dell’aerostazione, giunto sul posto, informa che a causa di troppi voli i bagagli non sono giunti a destinazione ma non fornisce nessun’altra indicazione.

«Inizialmente -sottolinea il turista deluso- mentono dicendo che i bagagli sono atterrati con il volo ma che hanno problemi a sbarcarli. Dopo due ore, l’arrivo dei carabinieri e nessun annuncio ufficiale comprendiamo da un passaparola che abbiamo atteso invano e che i bagagli in realtà sono rimasti a Firenze».

All’arrivo delle forze dell’ordine i passeggeri sporgono denuncia.

«Tutti i passeggeri si mettono in coda per compilare il documento di denuncia di smarrimento che, da indicazioni internazionali, dovrebbe comportare la produzione di un codice identificativo della pratica, il codice PIR. Ma questo -prosegue G.P. si traduce in un foglietto di carta scritto a mano senza codice alcuno».

Dopo tre ore i passeggeri vengono congedati dalla struttura.

Dopo tre giorni nessuna traccia delle valigie

I passeggeri del volo Vueling Firenze-Catania, ricevono dalla compagnia aerea l’email informativa sull’avvio della pratica di consegna entro 24h. Ma dei bagagli nessuna traccia. Il giorno successivo un numero sconosciuto chiama i cellulari dei turisti informandoli della situazione in tempo reale: i bagagli sono arrivati a Palermo.

«Oggi -prosegue il lettore- i bagagli sono arrivati a Palermo e un operatore avrebbe dovuto portarli a Catania dove sarebbero poi stati affidati ad un corriere per la consegna ai legittimi proprietari come la compagnia aveva assicurato. Pare tuttavia l’addetto  a svolgere la pratica a Catania avrebbe rifiutato di ricevere i bagagli accampando improbabili scuse e non qualificandosi. Esisterebbe, inoltre, solo una mail dell’ufficio preposto di Catania dove comunicano che non riceveranno i bagagli senza specificare il nome dell’operatore».

L’operatore sottolinea che lui stesso era stato incaricato di portarli a Catania. G.P, però, riferisce che lo stesso si è premurato di evidenziare l’impossibilità nel trasportarli a Catania per una mancanza di un collega non meglio specificato.

«Ho contattato l’ufficio bagagli-dichiara l’operatore al viaggiatore G.P- ma non so se il collega ha fatto di tutto per portare i bagagli».

Nonostante siano passati 3 giorni, però, i bagagli non sono ancora arrivati e l’aeroporto di Catania non risponde alle lamentele inoltrate via mail. Si conclude così l’odissea di un turista deluso.

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker