fbpx
CronacheNews in evidenza

Minaccia passanti e picchia poliziotti: ai domiciliari colombiano

Nel pomeriggio di ieri, personale delle volanti arrestava Ochoa Lujan Sebastian, nato in Colombia, classe ’97, per resistenza, violenza, minacce, oltraggio, lesioni e false dichiarazioni sull’identità personale a Pubblico Ufficiale.

Alle ore 14:00 circa, giungevano presso la Sala Operativa della Questura, su linea “113”, più chiamate, che segnalavano un giovane extracomunitario, vestito con giubbotto di colore verde e jeans di colore blu, che, brandendo un coltello, minacciava i passanti su via Crociferi.

Le volanti inviate sul posto, venivano contattate da più passanti che confermavano di avere visto quel giovane che effettivamente teneva qualcosa tra le mani, probabilmente un coltello, e che si era allontanato nelle vie limitrofe, in direzione di piazza Dante. Pochi istanti dopo una volante individuava l’uomo che era in evidente stato di alterazione psicofisica, il quale, alla vista della volante, tentava di dileguarsi, ma veniva raggiunto e fermato, nonostante cercasse di divincolarsi con forza. Perquisito l’uomo, non veniva rinvenuto il coltello, neppure lungo il tragitto indicato dagli utenti che il sospetto aveva percorso.

Accompagnato presso gli Uffici della Questura, l’uomo forniva il proprio nominativo, che, per maggiore certezza, veniva fatto scrivere dallo stesso su un foglio di carta. Successivamente, non potendo accertare con certezza l’identità del soggetto, gli agenti si recavano presso l’abitazione di un suo amico, dove rinvenivano il passaporto dell’uomo. Frattanto, l’uomo, ancora in escandescenza tentava nuovamente di scappare. Anche in questo caso, gli agenti lo riuscivano a fermare con non poche difficoltà, assicurandolo nell’auto di servizio, nonostante continuasse a proferire frasi oltraggiose nei confronti dei poliziotti. Anche presso gli uffici della Questura, dove veniva nuovamente portato, l’uomo continuava a tirare pugni e calci agli operatori. I poliziotti intervenuti ricorrevano alle cure mediche per le lesioni ricevute e venivano successivamente dimessi con una prognosi di tre giorni, salvo complicazioni.

Alla luce di quanto accaduto Ochoa Lujan Sebastian veniva arrestato per i reati di resistenza, violenza, minacce, oltraggio, lesioni e false dichiarazioni sull’identità personale a Pubblico Ufficiale e su disposizione del Pubblico Ministero di turno collocato agli arresti domiciliari in attesa della direttissima fissata per la mattinata odierna.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker