fbpx
Cronache

Migranti, Sicilia orientale ponte fra Est e Nord Europa: sgominata banda criminale

La Sicilia Orientale asse di transito per il traffico di migranti provenienti dall’Est e diretti verso il Nord Europa. Una matassa di gruppi criminali, attivi in Turchia e Grecia ma con cellule operative in Italia, sgominati a seguito del provvedimento di fermo, per 19 indagati, emesso dalla Procura distrettuale di Catania. 

Le indagini, già avviate nel 2018, vertono su diversi sbarchi provenienti dal Mediterraneo Orientale e associati a un gruppo criminale, composto da curdi, iracheni, afgani e italiani che in cambio di cospicue somme in denaro favoriva l’ingresso in Italia e lo smistamento in Nord Europa. Le procedure di regolarizzazione dei migranti, poi, avvenivano in maniera del tutto illegale: contratti di lavoro falsi così come documentazione per il permesso di soggiorno.

Fitta rete criminale internazionale

L’indagine giudiziaria, quindi, getta un cono di luce su “un necessario anello di congiunzione” in Italia. “Gruppi criminali attivi in Grecia e Turchia, che agevolavano i migranti nel percorso verso la meta privilegiata, Francia e Nord Europa, attraverso la ‘rotta orientale’ che passa per Afghanistan, Pakistan, Iran, Turchia, Grecia e Italia”. L’organizzazione criminale, formata da gruppi indipendenti tra di loro, ma tutti collegati, operava mediante ramificazioni attive a Bari, Torino, Milano e Ventimiglia (Imperia). A Bari, inoltre, si fornivano documenti falsi per il rilascio dei permessi di soggiorno e per il rinnovo di quello già in possesso. Da qui i migranti venivano dirottati a Torino e Milano per poi andare a Ventimiglia. Proprio in Liguria il gruppo criminale raccoglieva e traportava nottetempo i migranti in Francia, con autoveicoli appositi.

Bloccato mentre effettuava un trasporto di migranti

Nello specifico emerge un indagato, ritenuto “strettamente connesso al sodalizio criminale e a carico del quale sono emersi gravi indizi di colpevolezza” e sottoposto a misura restrittiva. L’uomo stava per trasportare alcuni  migranti dalla stazione ferroviaria di Ventimiglia verso la Francia. Nell’operazione sequestrati, dalla procura distrettuale di Catania, dalle squadre mobili e Sco, ben 17 telefoni cellulari, 4 computer portatili, documenti vari e circa 25.000 euro in contanti.

 

G.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button