fbpx
GiudiziariaNewsNews in evidenza

Messina, indagato l’assessore Pizzo per fallimento della clinica Santa Rita

Messina –  L’assessore Giovanni Pizzo è indagato per il fallimento dell’Ati Hospital Santa Rita che, fino al 2012, ha gestito la Casa di Cura. L’iscrizione nel registro dell’assessore Pizzo appare come un atto dovuto, dato che fino a quel momento, insieme a Grazia Romano, gestiva la società.

Il fascicolo, affidato al sostituto procuratore Fabrizio Monaco, dovrà chiarire le motivazioni del crack della società seguita dall’assessore. Agli atti, infatti, la procedura fallimentare della Casa di Cura.

Nel maggio del 2011 l’ASP di Messina sospende l’attività della casa di cura per criticità emerse “sotto il profilo igienico organizzativo e assistenziale”, fino al 31 ottobre 2012, quando inizia la procedura di fallimento della società.

Nel 2014, la regione avvia la procedura per la revoca dell’accreditamento sanitario (arrivata poi a fine anno) mentre a settembre dello stesso anno,  l’Assessorato alla Salute “a fronte della disponibilità alla salvaguardia dei livelli occupazionali” esprime il proprio “nulla osta alla ipotizzata cessione parziale del ramo d’azienda”, coprendo con 845 mila euro il budget delle ultime tre mensilità dell’anno. Ad ottobre arriva una ulteriore cattiva notizia: il Giudice Delegato del fallimento rigetta le istanze proposte da Cot Spa, che si era per prima interessata all’acquisto dei beni della clinica, motivo per cui anche i lavoratori sono rimasti senza lavoro e senza ammortizzatori sociali.

L’assessore dovrà quindi spiegare il perchè i tentativi di salvare la clinica non andarono a buon fine.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker