fbpx
Primo PianoSanitá

Medicina. Grillo: “Stop al numero chiuso”. È polemica a Catania

Il Ministro Giulia Grillo valuta il modello francese per affrontare la prima emergenza in corsia, ovvero la carenza di medici specializzati nei Pronto Soccorso. Si tratterebbe di una misura di urgenza per consentire ai medici precari che operano nella rete d’emergenza di accedere ai concorsi specialistici, in attesa di una riforma della formazione pre e post laurea.

Stop al numero chiuso e riforma post laurea

Il modello francese prevede libero accesso al primo anno a cui segue una selezione molto serrata per verificare chi è in grado di procedere nel percorso di formazione. Un metodo che aprirebbe le porte alla meritocrazia, oltre a favorire un incremento del numero di medici specializzati rimasti imbottigliati nel precariato sanitario. Per quanto attiene la riforma post laurea, l’idea del ministro Grillo è di partire dal calcolo del fabbisogno per non restare senza medici da inserire nel mondo del lavoro.

Polemiche a Catania, denunciate irregolarità

È sui social che si consuma l’ira degli aspiranti medici che il 4 settembre scorso hanno sostenuto i test di ammissione. Oggetto di denuncia i classici metodi di “suggerimento volante” da un banco all’altro, l’uso di smartwatch e buste con i dati anagrafici non sigillate.

A irritare i candidati che hanno rispettato le regole di selezione, lo stesso punteggio ottenuto da tre colleghi catanesi nelle diverse sezioni in graduatoria. Quel 75,3 tra cultura generale, ragionamento logico, biologia, chimica, fisica e matematica insospettisce i più nel calcolo delle probabilità.

A raccogliere le segnalazioni e le polemiche dei candidati ha pensato LiveUniCT.

Non passa inosservato il commento di Irene:

Ragazzi bisogna riconoscere una cosa: sanno copiare beneRicordatemi però, fra circa dieci anni, di non sentirmi mai male perché se devo essere curata da ‘sta gente preferisco affidarmi alla preghiera. Adesso un po’ i novax li capisco. Ci credo che non si fidano dei medici.

 

~ DB

 

 

 

 

 

 

 

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button