fbpx
CronachePrimo Piano

I medici volontari del Poliambulatorio Dusmet

L’11 aprile scorso il “Poliambulatorio Dusmet ” ha aperto i battenti. A desiderare fortemente l’apertura, con l’intenzione di curare tutti coloro i quali non sarebbero in grado di sostenere le spese mediche, Don  Mario Torracca. 

Il poliambulatorio, nato dalle “ceneri” del vecchio ospedale Santa Marta, presente una caratteristica importantissima. Tutti i 50 medici presenti, infatti, sono volontari. Insieme a loro anche lo stesso Don Mario che per l’occasione tornerà nelle vesti di medico. La struttura è composta da 14 stanze, due sale odontoiatriche, 23 tipi di medicina specialistica tra cui cardiologia alla ginecologia, nefrologia, oncologia. Ma non solo: si unisce anche una sala gioco e una nursery. La finalità del poliambulatorio non si limita a curare i pazienti, ma vuole diventare un appoggio concreto per i più bisogni. A sostenere questa tesi anche la distribuzione di farmaci, alimenti e abbigliamento.

Un progetto che nasce nel 2012

Don Mario Torracca ha sviluppato questo progetto nel lontano 2012 quando è diventato direttore dell’ufficio pastorale della salute. Il prete ha toccato con mano quante persone non avessero la possibilità di pagare anche semplicemente il ticket per le visite. Il Poliambulatorio Dusmet non vuole sostituirsi alla sanità pubblica, ma essere un sostegno ulteriore per i poveri e per tutti coloro che invece verrebbero esclusi, come ad esempio gli immigrati o i clochard.

«Intendiamo prenderci cura del malato in tutti i suoi aspetti, anche quelli emotivi. Fin dall’inizio ho puntato sulla formazione degli operatori e sulla prevenzione perché il nostro obiettivo non è solo quello di prenderci cura di chi sta male, ma favorire lo star bene in salute in tutti gli altri», racconta Don Mario.

Inizialmente, solo alcune persone vicine al prete hanno aderito al volontariato presso il poliambulatorio. Pian piano, però, il progetto si è diffuso stimolando l’adesione di altri medici che al momento sono una cinquantina.

E.G.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.