fbpx
Politica

Articolo 1- Mdp: elezioni regionali banco di prova per il partito

Se togliamo 4 realtà in tutto il resto d’Italia è successo l’irreparabile. […] Le reazioni che stiamo vedendo in questi minuti sono preoccupanti perché la dichiarazione che ha appena fatto Renzi qualche ora fa è stata siamo 64 a 58 per cui comunque il centro sinistra ha vinto […] in realtà è una sconfitta perché nella tornata passata noi governavamo 93 di questi comuni e li abbiamo persi quasi tutti […] Dobbiamo fare una riflessione profonda in quanto sinistra, ma dovrebbe il Partito Democratico al suo interno fare una riflessione ancora più profonda ” con queste parole il deputato Davide Zoggia ha aperto l’assemblea regionale – riunione di coordinamento del partito Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista mostrando apertamente la propria insofferenza per le politiche del Segretario del Pd Matteo Renzi.

L’assemblea regionale svoltasi ieri pomeriggio a Palermo  presso la Real Fonderia Alla Cala, con la partecipazione dei deputati Angelo Capodicasa e Giuseppe Zappulla e del senatore Francesco Campanella,  ha evidenziato, però,  come Mdp sia ancora, almeno in Sicilia, un partito in fase embrionale.

Emblematiche sono state le dichiarazioni dell’ex deputato europeo Sonia Alfano:

l43-sonia-alfano-130404192454_bigC’è ancora tanto da fare! Per cui parlare di elezioni regionali se ancora noi non abbiamo uno zoccolo duro e capire chi siamo, quanti siamo, cosa abbiamo da dire, come andare a cercare il candidato e la gente che possa fuoriuscire dal Partito Democratico. C’è una fetta che sta diventando quella del 70% che non va più a votare. […] Ex Italia dei Valori, ex Partito Democratico […] Per me è importante anche recuperare quelle persone che si sono allontanate dal contesto politico […]

Di fondamentale importanza per il futuro del partito di sinistra, come sottolineato durante l’incontro dal deputato Davide Zoggia, sarà la convention del 1° luglio a Roma che vedrà, tra l’altro, la partecipazione dell’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia che da Bruxelles ha invitato tutti i soggetti politici che si identificano nel centro-sinistra italiano con queste parole:

Il 1 luglio a Roma ci sarà un grande incontro nazionale aperto a tutti i soggetti che sono interessati al nuovo centrosinistra“.

Nonostante le incertezze derivanti dal caotico quadro politico nazionale le ormai vicine elezioni regionali siciliane del 5 novembre rappresentano per i vertici  del partito un fondamentale banco di prova:

” […] Noi non possiamo fare una figura magra. Non possiamo fare una figura meschina. Non ce lo possiamo permettere perché sicuramente il Paese ci guarderà. Sarà probabilmente il primo step di prova di Articolo 1 e dobbiamo dare il meglio di noi con tutte le difficoltà possibili e immaginabili […] ” ha dichiarato con fermezza l’ex europarlamentare Sonia Alfano.

Appare, dunque, come sia tutto ancora in divenire per  la sinistra siciliana che sembra quasi una fase di “frenetico di stallo”: impaziente di organizzarsi per confrontarsi nelle elezioni regionali siciliane  con il Partito Democratico di Matteo Renzi, ma costretta ad aspettare le decisioni dei vertici nazionali.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button