MafiaNeraNews

Sequestrati il bar Castello 2 e il caffè Diaz, riconducibili alla mafia

Catania – Sequestrati il bar Castello 2 e il caffè Diaz, riconducibili alla mafia. In esecuzione di un decreto emesso dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione, la Polizia di Stato ha sequestrato un ingente patrimonio, costituito da beni immobili, beni mobili registrati e rapporti bancari, riconducibile a elementi che gravitano nell’orbita della cosca mafiosa dei Cappello, per un valore di oltre 3 milioni e mezzo di euro.

Il provvedimento è stato emanato nei confronti di Gaetano Nobile, 31 anni, noto pluripregiudicato, vicino al clan Cappello. La sua vicinanza al clan è confermata dalla vicinanza di Cosimo Tudisco o a Pacifico, intestatario fittizio della Worldgames dell’Etnabar, sequestrato a fine gennaio

Nel mirino delle indagini sono quindi finiti il Bar Castello 2, appartenente alla Sean srl, di Antonella Chisari e Evelyn Nobile, moglie e sorella di Gaetano Nobile, e il Caffè Diaz con annessa rivendita di tabacchi, di Antonio Paolo Ingrassia.

Dal 2013 al 2016, la Polizia ha notato acquisto e rivendita di ben 32 auto, il tutto orientato al riciclo del denaro. Durante questa operazione, il Tribunale ha disposto il sequestro di sei veicoli: 4 auto, di cui una porche macan S, una Mercedes Gla 220, una Mercedes B-200 CdI e una Smart city coupè, un autocarro e un motociclo. Inoltre, è stato disposto il sequestro di conti correnti riconducibili proprio a Gaetano Nobile, per un valore di 65mila euro.

 

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.