fbpx
CronachePrimo Piano

Mary Poppins a un passo dal baratro

L'associazione Primavera e i sindacati a loro fianco chiedono al sindaco un sopralluogo generale

Mary Poppins. Resta ormai poco da fare per il Centro Diurno per minori di Librino dell’associazione Primavera. Dopo le proteste e il tavolo di concertazione accordato dal vicesindaco Roberto Bonaccorsi, una comunicazione scuote l’Istituto Mary Poppins.

Le speranze dei bambini di periferia gelate dal dissesto

Emily è una bambina di 10 anni. Non è una alunna dell’Istituto Mary Poppins ma stamattina si trovava nell’aula informatica del centro Diurno perché, a causa di un mal di pancia, necessitava delle cure e dell’assistenza del personale. Ancora Emily non sa che questo servizio sta per esserle strappato.

I corridoi puliti e silenziosi si animano di pura vita una volta aperte le porte delle aule.

Anthony è un bimbo vispo ma gli hanno detto che si deve comportare bene per far fare bella figura ai compagni di classe e alle maestre. Perciò, continua a esercitarsi con i suoi compiti mentre qualcuno timidamente si alza dal banco per abbracciare la direttrice, Anna Pennisi.

Se per i bambini prematuri il Comune ha acceso una luce viola a Palazzo degli Elefanti con due giorni di anticipo rispetto la data fissata, per i bambini disagiati (o disgraziati?) di Librino la luce della speranza si spegne togliendo ossigeno all’unico Centro Diurno a loro destinato.

Mary Poppins

Mary Poppins e Centro Diurno destinati alla chiusura

Venerdì mattina, la Direzione Famiglia e Politiche Sociali ha infatti informato l’associazione Primavera che il Comune di Catania, “per approvare l’ipotesi di bilancio riequilibrato e ridurre di almeno il 20% il costo dei servizi” a seguito della dichiarazione di dissesto, ha ritenuto di interrompere i servizi non indispensabili. Tra questi, è annoverato il Centro Diurno dell’Istituto Mary Poppins e una forte riduzione dei minori assistiti all’interno dell’Istituto Mary Poppins.

Gli effetti socio assistenziali destinati a venir meno per questi minori saranno devastanti perché, di fatto, si condannano alla strada. E in mezzo alla strada finiranno anche i dipendenti lasciati di punto in bianco senza lavoro insieme alle loro famiglie che ne patiranno le conseguenze.

Il Comune di Catania intende intervenire così prima della scadenza del contratto trentennale, tagliando risorse che portano alla inevitabile chiusura il Centro Diurno. Un’azione avviata non soltanto sottovalutando il servizio di pubblica utilità destinato ai minori, ma anche intervenendo unilateralmente sul project financing dell’associazione Primavera.

Ennesimo ricorso in tribunale?

Non è la prima volta che l’associazione Primavera e l’Istituto Mary Poppins finiscono sotto attacco. Inutili sono risultati i tentativi nel 2006, nel 2011 e nel 2012 del Comune di Catania di interrompere il servizio reso ai minori del quartiere periferico. I giudici e i rispettivi tribunali hanno sempre rigettato i ricorsi.

Con la sentenza 700/15, il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana ha ribadito che “gli impegni del Comune derivano dal contratto sottoscritto ed il riferimento ad esso al piano economico”. Questo “implica il riconoscimento degli elementi cardine e della relativa impostazione e così di quanto in esso definito essenziale, correlando strettamente durata e misura del convenzionamento”.

Vale a dire che per il tribunale non esistono ragioni sul piano giuridico che possano giustificare l’interruzione del contratto. Neppure lo stato di dissesto. In vero, il continuo dispendio di energie nel trovarsi puntualmente ad affrontare queste cause, grava sulla serenità dei bambini e del personale dell’associazione Primavera. Bambini che all’Istituto Mary Poppins e al Centro Diurno hanno garantite istruzione, educazione, cure e integrazione nel tessuto sociale. Ulteriore elemento su cui riflettere.

 

Tags
Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker