fbpx
GiudiziariaPrimo Piano

Mario Cavallaro è l’acese arrestato per truffa agli anziani

Fu consigliere comunale con il vizio della coca e del gioco d'azzardo. Ha truffato in tutta Italia

Mario Cavallaro, 38 anni, di buona famiglia, inserito nel contesto della Catania bene e della sua Acireale. È stato arrestato il “Bocca di Rosa” acese, caduto nella più comune delle sue trappole: la truffa.

Il fatto

Arrestato in flagranza di reato a Ragusa, aveva trovato la sua vittima in un’anziana signora. Si presentava come venditore di opere d’arte di altissimo valore, ma in realtà si trattava di falsi. In questo caso, il malfattore voleva vendere un quadro “Madonna delle Grazie”, spacciato per un olio su tela del valore di 2.000 euro circa. La figlia della vittima si è insospettita e ha chiamato i carabinieri. I militari erano presenti, nascosti nella stanza accanto, durante l’incontro tra l’uomo e la signora anziana. Le manette sono scattate quando Mario Cavallaro, il truffatore, ha ricevuto la somma di 500 euro come acconto dell’intero importo. Non è un caso singolo perché i militari all’interno dell’abitazione hanno ritrovato anche altri quadri della stessa tipologia e che ora sono stati tutti sottoposti a sequestro. 

Il modus operandi

Nel comunicato dei Carabinieri si legge che Mario Cavallaro è un truffatore seriale e che le sue vittime predilette sono persone anziane per lo più abitanti in villette o case fuori dal centro abitato. 

Mario Cavallaro lavora per un’azienda di Treviso che attraverso un call center gli procura gli appuntamenti ed opere in serie di modesto valore. L’obiettivo è quello di vendere a persone anziane quadri e libri spacciati per opere d’arte di altissimo valore. La scelta dell’arte sacra non è casuale ma risulta il vettore più convincente per delle vittime avanti negli anni. Un “lavoro” che il malfattore svolge da circa 15 anni avendo intrattenuto rapporti con aziende, tra il Veneto e l’Umbria, che gli procuravano appuntamenti e “oggetti” da vendere.

Modi gentili ed affabili, grandi doti di convincimento per mettere in ginocchio anziani cui spesso vendeva più volte. Ci sarebbero vittime che avrebbero riempito la casa di quadri falsi. Ore intere trascorse a convincere persone di una certa età che si sentono soli. Incontri che potevano concludersi anche con manifestazioni affettive sopra le righe se non in veri e propri rapporti sessuali: baci, carezze e perfino sesso orale.

Dopo l’arresto in flagranza e il trasferimento in caserma, la procura ha disposto la custodia cautelare in carcere a Ragusa, dove l’uomo è rimasto per tre giorni. Per poi essere scarcerato dal giudice che, accogliendo la richiesta della difesa, ha concesso l’obbligo di dimora ad Acireale. Previsto per la settimana prossima, a Catania, il Riesame.

Gli inquirenti indagano per individuare il più possibile il numero delle vittime finite nella rete che l’uomo ha filato durante tanti anni di attività.

Il profilo dell’arrestato: un figlio noto di Acireale

L’arrestato è un notissimo acese – Bocca di Rosa – che nel passato è stato anche consigliere comunale per un breve periodo. Un uomo dalla doppia vita, abituato a frequentare i salotti e gli eventi più “glamour” tra costosi bicchieri di vino e sushi. Noto organizzatore di cene luculliane. Seguitissimo sui social. Inserito nella cerchia ristretta: un beniamino di tanti avvocati, commercialisti e famosi imprenditori.

L’acese Mario Cavallaro ha il vizio della cocaina e del gioco. I soldi non gli bastano mai ed è con gli usurai alle spalle. Così, va in trasferta fuori il catanese, dove non è conosciuto, per mettere a segno le sue truffe.
Mario Cavallaro da Milano a Trieste, da Roma a Napoli, dalla Calabria alla Sardegna ha messo a segno truffe in tutti questi luoghi. Il 38enne è uno stimato figlio della reale Aci.

Articolo vistato dal Direttore Responsabile*

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker