fbpx
GiudiziariaPrimo Piano

Mafia negli affari di Isola Bella: in totale 43 indagati

Chiusa l’inchiesta che ha disvelato le infiltrazioni mafiose nel business estivo di Isola Bella da parte dei clan Cappello-Cintorino e Santapaola-Ercolano. 

In totale sono 43 gli indagati della Dda etnea accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, rapina, usura, intestazione fittizia di beni, trasferimento fraudolento di valori e spaccio di stupefacenti. L’operazione, denominata “Isola Bella” come l’area in cui avveniva “la richiesta del pizzo”, ha coinvolto due clan che sebbene “nemici” erano riusciti a stringere proficui affari insieme. Ossia il clan Cintorino, vicino alla Cappello, e la famiglia Santapaola-Ercolano.

I Cintorino gestivano un vero e proprio regno a Calatabiano, oltre che le varie piazze di spaccio tra Taormina e Giardini Naxos. Ma, il business estorsivo consumato a danno dei piccoli imprenditori che gestivano le escursioni turistiche effettuate con le barche da diporto, fruttava quasi 20mila euro al giorno. Un guadagno che però, doveva essere diviso con i santapaoliani. Inizialmente, la Guardia di Finanza aveva arrestato ben 31 soggetti tra cui l’ergastolano Mario Pace, storico componente del clan Cappello. Adesso il numero degli indagati si alza ben 43 coinvolti.

E.G.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker