fbpx
PoliticaPrimo Piano

L’M5S esulta per l’arresto del simpatizzante grillino Salvo Campo

Dalla proposta di educazione all'antimafia nelle scuole agli arresti per estorsione

Era il 13 ottobre 2017 quando il M5S di Catania organizzava nella sede ARS di via Etnea la conferenza stampa per presentare un Disegno di Legge. Il DDL riguardava l’insegnamento dell’antimafia nelle scuole.

13 ottobre 2017, conferenza stampa M5S – sede ARS Catania

L’apparizione pubblica di Salvo Campo con l’M5S

Seduti al tavolo dei relatori, il sen. Mario Michele Giarrusso, l’allora deputata alla Camera, oggi Ministro della Sanità Giulia Grillo, e l’on. Gianina Ciancio. Apriva così la propria campagna elettorale regionale Giuseppe Valerio Scarcella, il candidato in pectore per la provincia di Catania in quota M5S che però non riuscì ad ottenere l’ambito seggio.

Seduto in prima fila c’era anche lui, Salvo Campo, presidente dell’associazione antiestorsione A.S.I.A.

Di lì a poco avrebbe preso il microfono per intervenire e portare la propria testimonianza sull’importanza dell’educazione all’antimafia nelle scuole. Lo stesso Salvo Campo, oggi indagato per estorsione, peculato e falso ideologico padre di Alberto Campo, candidato nella lista del M5S alle scorse amministrative.

135 preferenze riversate da Alberto Campo nel bacino elettorale dell’M5S, tuttavia insufficienti all’elezione, probabilmente hanno congelato nelle memorie grilline la sua militanza. Così, dalla pagina facebook del Movimento 5 Stelle di Catania leggiamo oggi un post di esultanza per l’arresto del padre del loro candidato.

Loro che con la “finta antimafia” – prendendo in prestito la loro stessa definizione – ci vanno a braccetto e anzi: gli offrono spazio politico e vetrine mediatiche.

Una brutta gaffe? Una dimenticanza? Non sarebbe la prima volta per i grillini.

 

 

Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button