fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

L’Università di Catania ricorda il preside Giarrizzo

Si è tenuta questa mattina nell’aula magna “Santo Mazzarrino” della facoltà di Lettere e Filosofia di Catania, la cerimonia di commemorazione di Giuseppe Giarrizzo, importante storico catanese ed ex docente dell’Ateneo etneo scomparso due giorni fa dopo una lunga malattia.

Nato a Riposto l’8 novembre 1927, Giarrizzo per oltre un trentennio è stato preside della facoltà di Lettere e Filosofia di Catania, avendo anche un ruolo significativo nella restaurazione del monastero dei benedettini, attuale sede del citato dipartimento. Inoltre, nel suo ruolo di storico Giarrizzo ha pubblicato numerose opere, fra le quali si ricordano La Storia d’Italia V La Sicilia e Catania, un testo inserito nella collana denominata Storia delle citta’ italiane.

Alla cerimonia, la quale ha visto una vasta partecipazione da tutti coloro che  hanno conosciuto Giarrizzo, era presente la salma dell’ex docente. Per l’occasione sono intervenute alcune autorità catanesi che hanno ricordato la figura di Giarrizzo, come il rettore dell’Università degli studi di Catania Giacomo Pignataro ed il sindaco della città etnea Enzo Bianco.

Invitato a parlare il sindaco Bianco ha affermato: <<Oggi commemoriamo Giuseppe Giarrizzo, un importante figlio di questa città. Egli ha dato tanto a Catania: basti pensare che senza il suo impegno non ci sarebbe stata la restaurazione e la restituzione alla città del monastero dei benedettini. Non dimentichero’ mai le nostre lunghe discussioni. La città di Catania onora un suo figlio illustre>>.

Molto sentito il ricordo di Giancarlo Magnano San Lio, direttore del dipartimento di Scienze Umanistiche: <<Nonostante il suo rigore, con Giarrizzo ci sono stati rapporti stretti ed affettuosi. Da lui abbiamo avuto sempre da imparare. Porteremo avanti il patrimonio che ci ha lasciato e penseremo a fare una serie di iniziative in suo onore>>.

Da segnalare inoltre, la presenza del professor Maurice Aymard, l’intellettuale con cui Giarrizzo formo’ una collaborazione culturale di grande spessore.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button