fbpx
LifeStyleMusica

Lucio Battisti è su Spotify

Lucio Battisti in streaming. Ovunque. Ora.

Lucio Battisti in streaming. Ovunque. Ora.

Annuncia un tweet epocale di Sony Music Italy. Dalla mezzanotte del 29 settembre sono disponbili online le canzoni di Lucio Battisti e Mogol.

«Grazie alla decisione dell’Editore Acqua Azzurra di tornare a conferire mandato a Siae per la raccolta e ripartizione dei diritti sulle opere musicali di propria titolarità sulle piattaforme online, torna a distribuire le relative canzoni, interpretate da Lucio Battisti, su tutte le piattaforme online di streaming e di download» Spiega la Sony Music.

Mancano ancora i brani con Panella, a precisarlo è ancora l’etichetta discografica «Ci duole precisare che il repertorio discografico relativo al periodo della collaborazione di Battisti con Panella risulta ancora non disponibile poiché l’Editore Aquilone non ha ancora deciso di tornare a conferire mandati per l’amministrazione delle relative opere sulle piattaforme online».

Da subito è un boom, su twitter l’hashtag è già un super trend #LucioBattisti.

La battaglia legale con Mogol

La decisione arriva dopo due anni di battaglie tra la Sony Music e la Edizioni Musicali Acqua Azzurra, controllata dalla vedova di Battisti, Grazia Letizia Veronese e dal loro unico figlio Luca Filippo. Le due aziende, nel novembre 2011, sono state anche in causa

L’intenzione della moglie di Battisti era quella di impedire la diffusione della musica del marito per pubblicità, colonne sonore, omaggi e festival. Soprattutto, la moglie non voleva che i successi di Battisti fossero presenti sulle principali piattaforme di streaming come Spotify ed Apple Music. Per Mogol si trattava inceca di una grande occasione sprecata.

Già nel 2016 il tribunale di Milano aveva dato ragione a Mogol. Il paroliere aveva chiesto che Grazia Letizia Veronese fosse condannata a risarcirgli un danno di oltre 8 milioni di euro per aver ostacolato lo sfruttamento commerciale del repertorio Mogol/Battisti. Il Tribunale di Milano aveva condannato “l’ostracismo” opposto dalla vedova Battisti a qualsiasi utilizzo, promozione e celebrazione di brani del marito Lucio Battisti.

F.F.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.