fbpx
Sport

Lo Monaco: “In un anno abbiamo tolto quasi 20 milioni di debiti, piano di ristrutturazione di Finaria entro 31 marzo”

Conferenza fiume questo pomeriggio presso Torre del Grifo da parte dell’a.d. del Catania, Pietro Lo Monaco.

Dopo le tre sconfitte contro Melfi, Lecce e Paganese, con un Catania in piena crisi e la gara contro la capolista Foggia alle porte (domenica prossima, alle ore 14.30 allo stadio Angelo Massimino) il dirigente campano ha incontrato la stampa per fare il punto della situazione e commentare il momento più difficile della stagione rossazzurra. Nessun’altro tesserato parlerà durante la settimana.

Vari i temi toccati quest’oggi, dalla crisi di risultati che hanno spinto la formazione etnea fuori dalla griglia playoff al tortuoso percorso di risanamento economico di una società fino a qualche anno fa considerata esempio virtuoso all’interno del panorama calcistico italiano.

Queste le dichiarazioni rilasciate in conferenza da Lo Monaco:

IL MOMENTO DELLA SQUADRA – Non sono d’accordo sull’analisi dura fatta dopo la gara contro la Paganese. Abbiamo preso due gol da calcio d’angolo perchè la squadra è impaurita. Il Foggia ha qualità tecnica notevole, ma è la gara giusta per riscattarci. La squadra ha paura e domenica si è visto chiaramente. Dal punto di vista della condizione fisica nelle ultime due gare ho visto un certo miglioramento.

SITUAZIONE ECONOMICA DELLA SOCIETA‘ – Sulla gestione ordinaria non ci sono problemi basti pensare che abbiamo già pagato gli stipendi di gennaio e nei prossimi giorni faremo anche febbraio. Non abbiamo avuto più un punto di penalizzazione. E’ stato fatto un gran lavoro per ripianare i debiti con le altre società. Avevamo 1,2 milioni di euro di debito con il Nacional per Rolin e lo abbiamo saldato. 300mila euro di debito con il Boca Juniors e le prime due rate sono state pagate. 275mila euro per il Wisla per Crapeck. Entro giugno dovremo pagare una società ghanese per  Odjer e con una costaricense per Cabalceta. Di oggi è l’accordo con il Racing per Castro e abbiamo già pagato 275mila euro. Il debito più cospicuo è quello con lo Sporting Lisbona per Rinaudo di 1,4 milioni. Entro il 31 marzo arriverà il piano di ristrutturazione di Finaria. A giugno tutto dovrebbe tornare alla normalità. Ho il dovere di non far fallire il Calcio Catania. Abbiamo ristrutturato il debito per il centro sportivo di Torre del Grifo, a breve arriveranno le firme. In un anno abbiamo tolto quasi 20 milioni di debiti. Finaria vuole proseguire.

SUI TIFOSII 4 disgraziati anni passati dalla nostra gente influiscono ma sono convinto che in caso di playoff ci saranno 20mila spettatori allo stadio.

QUESTIONE ALLENATORE – Continueremo con Pulvirenti e Russo fino al termine della stagione. 

PORTE APERTE  AI TIFOSI – Dipende solo dal campo in cui ci alleniamo, non ci sono problemi.

VENDITA DELLA SOCIETA’ – La domanda va fatta a Finaria che detiene il 95% della società.

GIORNATA ROSSAZZURRACi sarà contro il Siracusa nell’ultima gara interna, non mi aspettavo il loro sesto. Merito alla squadra e al tecnico. 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker