fbpx
CronachePrimo Piano

Librino. Buio pesto a viale Moncada -VIDEO

Da nove mesi una cabina elettrica è guasta e nessuno la ripara. Sicurezza dei residenti a rischio

Librino. In una vasta area del quartiere da nove mesi è piombato il buio a causa di un guasto a una cabina elettrica di zona. Viale Moncada è tra le strade maggiormente colpite dall’interruzione di energia elettrica e le sole fonti di luce sono quelle delle macchine dei condomini. Si tratta infatti di un grave disservizio che sta mettendo in ginocchio migliaia di cittadini.

I residenti si sentono abbandonati dal Comune di Catania ma non dal consigliere comunale Angelo Scuderi. «Per riparare la cabina elettrica guasta dapprima erano stati chiesti 6 mila euro – riferisce Scuderi – ma dopo qualche tempo la cifra richiesta è stata raddoppiata visto che ne sono stati chiesti 12mila. I motivi non li sappiamo. Ma i cittadini non possono vivere in queste condizioni».

IL SOPRALLUOGO E LE INTERVISTE

 

A Librino è buio pesto

I residenti da 9 mesi vivono questo grave disagio, da quando l’Amministrazione comunale ha lasciato Librino completamente al buio pesto. «Non siamo cittadini di Serie B – lamenta Carmelo Zito, residente di viale Moncada – paghiamo le tasse come quelli del centro. Non possono trattarci così».

«Ho paura a ritirarmi», sbotta Filippa Di Giugno, residente anche lei in viale Moncada. «Qui siamo tante mamme e lavoratrici in difficoltà. Abbiamo paura a tornare tardi da lavoro perché dietro l’oscurità può nascondersi qualche malintenzionato. Proprio qui hanno fatto un fermo. Poi ci sono anche dei cani randagi. È vergognosa tutta questa situazione. Ora arriva pure l’inverno e la scuola. Non sappiamo come andare avanti».

Nelle strade è alto il rischio di incidenti

Girare per le strade di Librino è un pericoloso viaggio nel nulla. L’illuminazione stradale, dove presente, è carente. Il consigliere Scuderi aveva proposto di installare dei pali d’illuminazione aggiuntivi a quelli già presenti al centro delle carreggiate, all’esterno. Nulla tuttavia è stato fatto. Inoltre, in alcuni pali già completi manca l’impianto elettrico e quindi sono spenti. A stento, quindi, si vede la segnaletica orizzontale, come anche gli incroci e le rotonde. Dove manca del tutto l’illuminazione, a causa del guasto, non si vede nulla e il pericolo incidenti è elevatissimo.

La cabina elettrica è aperta a tutti

La cabina guasta è praticamente senza porta e recinzione, ed è facilissimo accedere al suo interno. Qui è possibile reperire di tutto, da copertoni a poltrone e rifiuti di ogni genere. I quadri elettrici sono aperti così come il vano dell’alta tensione. Tutto alla rovina e con il pericolo che qualcuno ci resti pure secco. «La cabina va spostata», sbotta Scuderi. «Questo posto non è idoneo. Troppo pericoloso perché accessibile».

Tags
Mostra di più

Salvatore Giuffrida

Classe 70. Giornalista per passione ma nella vita passata chimico e topo di laboratorio. Un buon vino ed un piatto tipico sono sempre ben accetti. Per gli animali un amore sconfinato.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.