fbpx
NewsPolitica

Librino al buio, Scuderi: «il Comune provveda»

«A causa dei frequenti furti di rame, manca la luce nelle vie del quartiere Librino».

A segnalare la situazione di degrado, il consigliere della 6°circoscrizione Angelo Scuderi che in un post su FB invita ironicamente i residenti a «munirsi di torcia, candele e accendini».

Le strade interessate sono in particolar modo, Viale Moncada,Viale Castagnola, Viale Nitta, Viale Bummacaro e Stradale San Teodoro.

«Dite a turisti e parenti – continua Scuderi – che a noi piace la luce soffusa perché siamo dei romanticoni. Grazie Amministrazione, sei particolarmente attenta e sensibile alle problematiche del territorio di Librino».

«In alcuni viali – continua Scuderi- la luce manca da quattro anni, in altri da circa tre mesi. I residenti di Viale Moncada n. 6, privati della luce pubblica a causa dei furti dei cavi, hanno messo un piccolo faretto a spese proprie. Anche al Viale Bummacaro ai civici n.10 e 12, recentemente dei malfattori hanno cercato di rubare dei cavi. Non ci sono riusciti, ma hanno causato un danno alla linea, condannando i residenti al buio totale da tre mesi».

«Questa situazione crea un profondo disagio tra i residenti -spiega il consigliere- che non si sentono sicuri, sopratutto quando devono ritirarsi a casa. Si parla di anziani e bambini, bisogna esserci per rendersi conto della situazione di disagio procurata da questi barbari. Il comune dovrebbe provvedere subito».

Stessa situazione al Viale Castagnola al n. 2 e 3, e nel tratto di Viale san Teodoro, di fronte le case delle poste. Da quattro anni il furto di rame si è verificato anche al Viale Nitta».

Per fortuna non si sono verificati incidenti, ma con questo buio pesto la sicurezza stradale rimane pochissima.

Eppure a Librino c’è anche la porta della bellezza, progettata da Antonio Presti con tutti i bambini delle scuole del quartiere, segno di legalità e di appartenenza al territorio. Peccato che Il comune non la valorizzi, illuminandola come si deve».

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button