fbpx
Cronache

Librino, chiosco senza autorizzazioni e abusivi dell’elettricità

Catania – Gli agenti del Commissariato di Polizia Librino, nell’ambito del progetto “Trinacria”, nella giornata di ieri hanno effettuato controlli ad ampio spettro nel popoloso, omonimo quartiere. Con la collaborazione delle squadre di pronto intervento dell’Enel e della Sidra, sono state denunciate ben 60 persone per essersi allacciate abusivamente alla rete elettrica e idrica. Effettuati i dovuti distacchi dalle utenze, si è subito palesato il malumore degli abitanti di Viale Grimaldi 16, prontamente scesi in strada a protestare, oramai abituati ad un quotidiano e costante approvvigionamento gratuito.

Durante la perlustrazione della zona, gli agenti operanti si avvedevano di un cucciolo di cane che, ancorché all’interno di un recinto di fortuna ricavato nella zona condominiale del Viale Grimaldi 16, era altresì assicurato ad una catena di ridottissime dimensioni, privo di acqua e di qualsiasi copertura che ne potesse alleviare la sofferenza da calura estiva.

Per tali motivi è stato richiesto l’intervento di personale dell’ASP veterinari.
Il cucciolo, un molosso, verosimilmente incrocio fra dogo argentino e pitbull, privo di microchip identificativo della proprietà e che presentava una vasta cicatrice sul muso, è stato trasportato presso il canile municipale. Sono tuttora in corso accertamenti al fine di identificare il responsabile dei maltrattamenti del predetto cucciolo, occupando altresì abusivamente il pubblico suolo condominiale.

Ulteriore controllo è stato effettuato presso il chiosco bar di questo Viale Grimaldi 16 che, privo di qualsiasi autorizzazione, è stato immediatamente chiuso, al titolare venivano comminate sanzioni amministrative per un importo pari a circa € 8.500,00.
Anche i risultati realizzati in collaborazione della Polizia Municipale sono degni di nota: sono stati elevate 29 sanzioni al C.d.S., per un ammontare di € 10.000,00.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button