fbpx
LettureLifeStyleMammaDaUrlo

Lettura: magia anche ad alta voce

Si impara a leggere leggendo e il piacere che si ricava accresce la curiosità intellettiva.

La magia della lettura di quella ad alta voce in particolare, comincia presto con le filastrocche, le rime strampalate, le fiabe che conciliano il sonno.

Un dono di parole che stanno nella memoria del cuore che sanno di gioco, di tenerezza e di solletico. L’amore per la lettura spesso trova qui le sue radici: nei primi incontri con la parola e con il contatto tramite il genitore!

Le nuove abitudini di vita e le nuove tecnologie diminuiscono il tempo da dedicare ad attività fondanti per ogni tipo di apprendimento. I bambini hanno gli stessi bisogni di sempre: sentirsi amati, avere un tempo dedicato, quieto ma anche allegro e movimentato, libero da ricatti e da baratti, da distrazioni e costrizioni.

“Parla a tuo figlio. Hai un potere di umana magia nella gola unico eppure comune: perchè ne sei avaro?
Parla con lui, con lei. E se non sai cosa dire ci sono sorgenti di parole giuste che sono fatte per questo:
leggi un libro.” Bruno Tognolini, Rita Valentino Merletti

Le storie ascoltate nell’infanzia hanno poteri magici. Agiscono nel profondo e si collocano proprio lì dove sogni e fantasie modellano la visione del mondo del bambino. Ecco che questa viene modificata, precisata e ampliata di prospettive diverse, soddisfacendo man mano che si cresce quella fame di esperienza che diventa un buon modo per imparare a governare emozioni ed esperienze.

La lettura ad alta voce

In tenerissima età comporta anche tanti benefici a livello cognitivo. Se la lettura diventa una consuetudine il bambino svilupperà un’abitudine all’ascolto. La sua immaginazione sarà sollecitata insieme alla sua curiosità  e pian piano i suoi tempi di attenzione si allungheranno. Ascoltando i racconti degli adulti il linguaggio del bambino e la sua comprensione verbale si ampliano grazie a nuovi termini che arricchiscono il suo vocabolario e la struttura sintattica delle frasi. Per non parlare poi delle sensazioni positive associate all’esperienza della lettura con l’adulto di riferimento.

La lettura ad alta voce introdotta durante la gravidanza può essere un buon modo per mantenere il legame in quella speciale fase di passaggio dalla pancia ai “primi giorni di vita”. Il suono e la voce sono gli stessi e il bambino riconoscerà in quel momento un’occasione magica di contatto tra lui e il papà, la mamma, il fratellino/sorellina maggiore.

Cosa leggere dunque: da dove partire?

Vi proponiamo un primo testo per approcciarvi alla lettura: Mammalingua. Ventuno filastrocche per neonati e per la voce delle mamme. Scritto da Bruno Tognolini, illustrato da Pia Valentinis ed edito da Il Castoro in coedizione con Tuttestorie. Ventuno filastrocche piene di suoni e ventuno illustrazioni, una per ogni lettera dell’alfabeto per far conoscere il mondo ai piccolissimi.

A chi è rivolto

Le parole del testo sono rivolte alle mamme, ma il suono è tutto per i bambini che ne ascoltano la voce che, come il canto della balena, li accompagna mentre si addormentano, piangono, giocano…

Di cosa parla

Raccontano dell’acqua, elemento naturale, della bocca che succhia e bacia e del sonno, insomma il mondo che già circonda il bambino o che accoglierà il piccolo che sta per nascere.
Mammalingua è un libro da sfogliare, da leggere, da recitare, da cantare come una affascinante raccolta di semplici e dolci ninne nanne.

Queste poesie per neonati sono state un’avventura di scrittura come poche, per me. Sapevo da principio che non avrei parlato di loro, ma a loro; dopo un po’ mi sono accorto che parlavo con la voce della mamma, quel misterioso canto di balena che suona nell’oceano “là fuori”. Non ho opposto resistenza a questo canto, e sono nate ventuno filastrocche, una per ogni lettera, nell’alfabeto di una “mamma lingua” originale: ACQUA, BOCCA, CACCA, DORMI, ECCO, FIGLIO, GIORNO, HAI, IO, LINGUA, MAMMA, NO, ORA, PIANGI, QUI, RIDI, Sì, TU, UNO, VIA, ZITTI. 

Tags
Mostra di più

Libreria Libò

Da Silvia e Tiziana nasce Libreria Libò, libreria dei ragazzi e degli errori! Gli errori tanto amati di Rodari ed Eistein che possono tradursi in nuove possibilità e occasioni da non perdere; gli errori sono eventi comuni che cambiano ogni cosa ed ogni prospettiva, occasioni da cogliere! Libò ambisce ad essere la libreria per bambini e ragazzi a Catania; uno spazio nato dalla necessità di liberare immaginazione e creatività partendo dalla promozione delle lettura e del gioco. Luogo d’incontro e confronto per genitori ed educatori… e molto altro.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker