fbpx
NewsNews in evidenzaPolitica

Lettera aperta ai sostenitori del sì

Immaginate che al prossimo giro le elezioni le vinca un pazzo qualsiasi (il nome aggiungetelo voi).

Immaginate che questo pazzo qualsiasi vinca al ballottaggio dopo aver ottenuto, al primo turno, appena il 25 per cento dei voti. A quel punto, grazie al cosiddetto “premio di maggioranza” previsto nella nuova legge elettorale, con il voto di un elettore su quattro, prendera’ la maggioranza dei deputati, ben 340 su 630.

Adesso, al pazzo qualsiasi (mettete voi il nome), basteranno appena tre regioni (esempio Lombardia, Veneto e Liguria) e qualche sindaco, per avere un numero di senatori – nominati – che, sommato a quello dei deputati, gli consegna una maggioranza parlamentare autosufficiente di cui può disporre senza limite e vincolo alcuno.

A quel punto, il pazzo qualsiasi (e di pazzi di questi tempi ne girano) potrà decidere da solo, a partire dal quarto scrutinio, il suo presidente della Repubblica e i cinque senatori da questo nominati, potrà imporre le nomine nelle istituzioni di garanzia, 10 membri su 15 della Corte Costituzionale (art. 135) e i membri laici del Csm (art. 108), potrà cambiare la Costituzione, potrà farsi leggi ad personam in modo relativamente agevole, potrà approvare provvedimenti per sterilizzare il dissenso sociale. E potrà farlo senza dover dar conto a nessuno, senza alcun contrappeso mediazione politica e sociale.

Un uomo solo al comando che potrà, solitariamente, far partecipare il paese alle guerre o aderire a qualsiasi trattato internazionale, compreso il TTIP, compresi quelli che penalizzano i cittadini a favore delle banche e delle oligarchie.

Potrà tagliare i servizi pubblici, privatizzare la sanità e la scuola e intervenire, dal livello centrale e grazie alla cosiddetta “clausola di supremazia”, in ogni ambito della nostra vita, anche in quelli che prima competevano alle istituzioni territoriali. Un potere che mai si è concentrato nelle mani di un solo uomo nella storia dell’talia repubblicana.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button