fbpx
CronacheNews in evidenza

Depositata proposta di legge su compensi dei lavoratori autonomi, interviene Beretta

Una legge che rivaluti il lavoro dei professionisti e rimetta al centro l’equità delle loro retribuzioni, imponendo il pagamento di compensi che non possano essere inferiori ai minimi stabiliti dagli Ordini professionali. Promotore della proposta di legge è Giuseppe Berretta, parlamentare nazionale del Partito Democratico e componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati. La proposta di legge, sottoscritta da una cinquantina di deputati dei Democratici, mira a tutelare l’equo compenso e riguarda in generale tutti i professionisti: avvocati, ingegneri, architetti, medici, dentisti, giornalisti, commercialisti.

“Lavoratori autonomi che sempre più spesso sono vessati da situazioni di squilibrio nei rapporti contrattuali con i clienti, soprattutto con i clienti forti – spiega Berretta – A fare le spese di questa concorrenza al ribasso e del mancato rispetto dei minimi tariffari sono tutti i professionisti e in particolare quelli più giovani che si trovano a fronteggiare la crisi economica e che, avendo meno potere contrattuale, purtroppo sperimentano sulla propria pelle una spaventosa erosione dei compensi oltre a forme di prevaricazione inaccettabili”. “Avvocati e appartenenti alle professioni ordinistiche si trovano infatti costretti sempre più spesso ad accettare compensi ai limiti del decoro e a sottoscrivere contratti contenenti clausole di natura vessatoria – prosegue il promotore della proposta di legge – Ciò ha scatenato una concorrenza sfrenata e prezzi al ribasso, che porta i soggetti più deboli ad accettare remunerazioni sottocosto con una inevitabile dequalificazione delle prestazioni”.

La proposta di legge Berretta prevede dunque che i compensi per i professionisti non possano essere inferiori rispetto ai minimi tariffari stabiliti dai relativi Ordini professionali o dai Collegi definiti dai decreti ministeriali.

“Mi auguro che la nostra proposta di legge, già all’esame della Commissione Giustizia, possa trovare consensi tra tutte le forze politiche, perché vuole essere uno strumento per rimettere al centro il lavoro e la qualità delle prestazioni, ponendo rimedio a queste evidenti ed ingiuste storture” conclude Berretta. 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button