fbpx
EventiLifeStyleNews in evidenza

Paul Kalkbrenner in concerto suona per la legalità

Show audio luci mai visto prima in Sicilia per il concerto del dj di fama internazionale Paul Kalkbrenner.

«Abbiamo preparato – dicono gli organizzatori – per l’occasione uno show  a cui difficilmente ricapiterà di partecipare». Per la scenografia saranno utilizzati più di 100 sistemi luci diversi provenienti dai migliori service italiani. 100 metri quadrati di ledwall di ultima generazione corredati da uno degli impianti audio migliore al mondo, Adamson. Poi una sorpresa, effetti speciali proveniente direttamente dalla Germania.

Nel pomeriggio spazio a “Musica è Legalità”, tra gli ospiti lo chef Bonetta Dell’Oglio che dichiara: «Il senso di una giornata così è lavorare e fare impresa, attraverso valori importanti, di cui abbiamo bisogno per nutrirci. Etica, legalità, bellezza e divertimento allo stato puro, attraverso il piacere. Dobbiamo riappropriarci dei nostri sogni, vogliamo sognare. Vogliamo donare a tutti la speranza che un sistema in cancrena possa guarire».
Protagonista anche Othelloman che commenta: «Tutti i musicisti e DJ che hanno partecipato, hanno contribuito a lanciare i messaggi che di volta in volta abbiamo individuato, esaltando l’eccellenze del nostro territorio e regalando anche ai nuovi artisti un palco con migliaia di persone pronte ad ascoltare e a stupirsi con grande entusiasmo. Insieme a Valeria Grasso, che per me è la sorella maggiore che non avevo, abbiamo sempre avuto la forza di portare messaggi costruttivi e difficili rendendoli appassionanti e a tratti divertenti per poi affondare i colpi della drammaticità di storie vissute e trarre da quelle esperienze l’energia per combattere la prevaricazione e le difficoltà nonché diventare, ognuno di noi, strumento per trasformare in meglio il mondo e le persone che ci circondano».

La testimone di giustizia Valeria Grasso dice: «Il senso di questo evento è molto profondo. “Musica è Legalità” è stato creato come giorno dopo che sono tornata dalla località segreta a causa delle mie denunce e abbiamo deciso con mio fratello di portare la mia testimonianza malgrado le difficoltà. Ho fatto una scelta in controtendenza scegliendo di tornare a vivere e lavorare in Sicilia».

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button