fbpx
CronachePrimo Piano

Le famiglie delle Forze dell’Ordine sotto sfratto: il caso

Nuova speranza per le famiglie delle Forze dell’Ordine, in imminente sfatto nel palazzo di viale Bummacaro 3 a Librino.

Secondo quanto comunicato dal Sunia di Catania “è emersa la possibilità concreta di ottenere una sistemazione definitiva in nuovi alloggi da reperire utilizzando i fondi ex Gescal”.

La notizia è emersa durante l’incontro richiesto dal sindacato degli inquilini tra l’ assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone e la segreteria del SUNIA rappresentata dalla segretaria generale Giusi Milazzo e dall’avvocato Laura Di Stefano, in presenza di un’ampia delegazione degli interessati.

«Si è finalmente aperto uno spiraglio, dopo anni di vicissitudini e di richieste rimaste senza risposta – commenta Giusi Milazzo- Abbiamo anche richiesto che un nuovo incontro che potrà rivelarsi l’occasione giusta, in presenza anche della direzione regionale del Patrimonio,di mettere nero su bianco le problematiche inerenti le presunte morosità per le quali la Regione richiede somme ingenti che il Sunia ha contestato. Il Dipartimento al Patrimonio della Regione siciliana, sta infatti intimando agli esponenti delle forze dell’ordine a cui è stato assegnato a suo tempo l’alloggio ai sensi della normativa nazionale per il contrasto alla mafia e alla criminalità, di rilasciare l’alloggio assegnato pena la richiesta di risarcimento per danno erariale».

«L’obiettivo è quello di delineare un protocollo d’intesa tra la Regione e il sindacato in cui definire il percorso che porterà alla ricollocazione degli inquilini ed alla chiusura di ogni pendenza».

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker