fbpx
CronacheNews

Lavoro nero, sospese 3 attività e multe salate

Catania –  3 attività sono state sospese dai  Carabinieri del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro e del Comando Provinciale di Catania. I controlli, avviati dal Direttore della Direzione Territoriale del Lavoro di Catania, Dott. Fausto Piazza e  finalizzati al contrasto del fenomeno del lavoro nero nei cantieri edili e nelle attività commerciali hanno scoperto la presenza di lavoratori in nero.

 In particolare, in un cantiere ubicato al centro di Catania, sono state scoperte tre ditte che impiegavano rispettivamente:

  • la prima, 2 lavoratori in nero su 2 presenti;

  • la seconda, 1 lavoratore in nero su 2 presenti;

  • la terza, 2 lavoratori in nero su 4 presenti.

Per tutte e tre le ditte sono quindi scattate le sospensioni amministrative dell’attività imprenditoriale poiché occupavano complessivamente cinque lavoratori “in nero”.

Sono invece 3 le denunce penali dei titolari di ditte ai quali sono state contestate le seguenti violazioni:

  • in un primo caso, il titolare dell’azienda commerciale non aveva ottemperato ad una precedente sospensione, a seguito dell’utilizzo di un lavoratore in nero;

  • nel secondo e terzo caso, gli imprenditori edili non avevano proceduto al fissaggio delle tavole nelle impalcature dei ponteggi in cantieri attivi;

All’esito dell’attività sono state contestate sanzioni amministrative e ammende per complessivi euro 43.000 e recuperati contributi assistenziali ed assicurativi per circa 4.200 euro sul lavoro sommerso.

Il costante impegno dei Carabinieri per la Tutela del Lavoro in Sicilia, prosegue incessante. L’invito che viene rivolto alla popolazione è di riferire ogni tipo di anomalìa nel mondo del lavoro e della sua sicurezza agli organi competenti delle Direzioni Territoriali del Lavoro, ai Carabinieri ivi presenti, o alle Stazioni Carabinieri, che da oltre 200 anni rappresentano un presidio di tutela del cittadino al servizio della comunità.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker