fbpx
Primo PianoSatira
Trending

Latitante muore. Vedova contatta l’agenzia di pompe funebri – AUDIO

Ecco la registrazione della telefonata per organizzare l'ultimo saluto al latitante catanese

Latitante muore in via Ustica. La signora Pina, vedova da pochi minuti, raggiunge telefonicamente l’agenzia di pompe funebri suggeritale da un’amica per organizzare l’ultimo saluto al marito. Ma la trattativa per il titolare dell’agenzia, non va in porto.

L’audio della telefonata della moglie del latitante

La pensionata non ha remore nell’indicare il noto luogo di spaccio di stupefacenti nei pressi del suo domicilio, suscitando incredulità nell’interlocutore per la disinvoltura della signora. D’altronde, tutti sanno e nessuno interviene, anche se quasi quotidianamente i titoli delle principali testate locali parlano di “bande sgominate” che in poche ore vengono rimpiazzate.

Superato il primo ostacolo, il secondo è imperativo presto detto: la riservatezza. Nessuno al quartiere sa ancora della dipartita e viene richiesto tra le righe silenzio al titolare dell’agenzia di pompe funebri. Particolare di rilievo che porta a desumere si tratti appunto di un latitante.

Costo, dimensioni della bara considerate le dimensioni del latitante defunto e spiacevoli inconvenienti derivanti dalla malattia che lo ha portato alla morte. Sono questi i dubbi e i particolari che allertano la vedova nell’attesa che la salma sia riposta nella cassa. Dettagli che rimandiamo all’ascolto del lettore.

Il latitante e il titolare dell’agenzia funebre

Naturalmente, si tratta di uno scherzo telefonico al titolare di un’agenzia funebre catanese. L’esilarante – per quanto “delirante” – conversazione circola da giorni nella messaggistica privata di chi ha a che fare coi defunti suscitando ilarità non solo tra gli addetti ai lavori.

Una volta ricevuto l’audio, inevitabili sono state le grasse risate. Tuttavia, un cenno di riflessione va posto sulla situazione paradossale che si tinge di connotati veritieri nei dettagli e che rispecchiano uno spaccato sociale reale. Problematiche facilmente riscontrabili e che nessuno osserva. E se si riesce a individuarle, non sono ovvie soluzioni concrete e immediate.

D’altra parte, anche questa è Catania. Ma con un sorriso, nella sua amarezza, ha un sapore diverso.

 

Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button